Sono le sigarette, vero?!

Il commissario straordinario del governo per l’Ilva di Taranto: «È noto che a Taranto, città portuale, la disponibilità di sigarette era in passato più alta rispetto ad altre aree del Sud Italia dove per ragioni economiche il fumo di sigaretta era ridotto fino agli anni ’70»…
Federico 4 anni ricoverato a Parma per un Medulloblastoma,
Stefano 8 anni con un Sarcoma del rene in continuo viaggio da Taranto a Genova,
Antonella 4 anni ha scoperto di avere un Sarcoma di Edwing e sa che le resterà poco da vivere….
Piergiorgio 12 anni in casa con una leucemia acuta linfoblastica in attesa di trapianto di midollo osseo,
Loredana appena nata, con tiroide e reni compromessi,
Riccardo 9 anni perennemente stanco,
Luca 13 anni in continua corsa da un medico all’altro per comprendere da cosa deriva la sua tosse congenita,
Marco 3 anni che non riesce ancora a camminare,
Angela 6 anni appena partita per ricoverarsi all’Ospedale “Gaslini” di Genova.
A loro e a tutti i BAMBINI di Taranto è stata strappato il DIRITTO di VIVERE… il DIRITTO di ESSERE BAMBINI… eppure NESSUNO di loro ha “MAI FUMATO”…. a Bondi auguro d’incrociare per soli 5 minuti lo sguardo di uno di loro e poi di sentirsi una merda!!!

Fonte: Controlacrisi.org

Autore: Pierfrancesco Galati

145 Visite totali, 1 visite odierne

Un commento

  • Ezio

    E’ vergognoso che una persona offenda così gravemente i cittadini di Taranto e possa continuare a svolgere la sua mansione di commissario dell’Ilva.
    Ma nello stesso tempo si deve denunciare, oltre alla tracotanza di un personaggio culturalmente povero, come Bondi, anche le Istituzione e i personaggi del governo che hanno permesso all’Ilva di inquinare, e adesso non hanno il coraggio di mandare Bondi a fare servizio sociale presso quelle strutture dove sono ricoverati i bambini “fumatori” di Taranto.
    Un governo, un regione, un comune che abbiano ancora un minimo di etica morale dovrebbero cacciare i personaggi come Bondi, i Riva, ecc.
    Purtroppo la nostra classe politica non è megliore di quella sporcizia sociale di nome Bondi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *