Sait: Dopo i licenziamenti la disdetta del contratto aziendale

LA SCUOLA SINDACALE DELLA CONCERTAZIONE, DELLA RASSEGNAZIONE E DEL TERRORE INVERSO HA DATO I PROPRI FRUTTI Lo avevamo detto! CGIL, CISL e UIL nelle assemblee “blindate” a Noi vietate, ci additarono per utopisti, idealisti, scontrosi e irrazionali. A quanto sembra invece fummo più che razionali addirittura veggenti, basta rileggere ogni Nostro singolo comunicato di denuncia e di alternativa all’accordo esuberi […]

Continua a leggere

INPS Trentino e il nuovo medioevo

USB vince le elezioni delle RSU e qualcun altro vince nelle assegnazioni delle Posizioni Organizzative. Nelle sedi INPS del Trentino è crollata ogni speranza di cambiamento, non solo sono aumentate le P.O. ma sono state assegnate a “tavolino”. Grazie alla lontananza/disinteresse della Direzione Centrale, impegnata più a seguire le scaramucce governative e ad assicura le clientele sindacal/politiche che ad organizzare […]

Continua a leggere

Progettone e le nuove convergenze parallele

Abbiamo letto sulla stampa locale dell’accordo raggiunto fra Cgil, Cisl Uil e Federazione Trentina della Cooperazione sul tema dello scatto di anzianità dei lavoratori del Progettone. Questo accordo viene presentato alla stampa come una conquista ma, se guardiamo bene, la questione si presta molto ad essere vista come “una mancia elettorale” da parte della PAT (durata limitata) e un tentativo […]

Continua a leggere

Mattarei, Progettone e coerenza sindacale

LA PRESIDENTE MATTAREI NEL MIRINO DI CHI HA VENDUTO CARA LA PELLE DEI LAVORATORI IMPIEGATI NELLE COOPERATIVE. I lupi perdono il pelo ma non il vizio. Sembra proprio che l’elezione di Mattarei alla presidenza della Cooperazione Trentina e la parificazione del proprio indennizzo a quello del suo predecessore abbia dato occasione alla triplice (CGIL, CISL e UIL) di poter scaricare […]

Continua a leggere

AMR- un’altra brutta pagina di “sindacalismo”

Denunciamo pubblicamente a tutti i lavoratori l’agghiacciante posizione assunta dalle sigle CGIL e UIL, che si sono rese responsabili della firma di un accordo di sforamento del 20% del precariato in azienda, proposto dalla direzione di Amr nell’incontro del 16/04/2018. E non parliamo dei loro Rsa (di cui quello Cgil non era nemmeno presente), ma dei due funzionari sindacali Carotta […]

Continua a leggere
1 2 3 32