Populismo, pragmatismo o radicalità?

Oggi la Fiom organizza un convegno sul populismo sindacale. Il riferimento è persino esplicito alla sconfitta storica in GD Bologna che ha assegnato a USB il primato. Non è quindi un caso l’utilizzo pretestuoso della categoria del populismo ormai abbondantemente in voga tra le forze politiche tradizionali responsabili del massacro sociale di questi ultimi decenni. Quando si pratica il sindacalismo […]

Continua a leggere

Dalla Fiom Trieste nuove adesioni a USB

LA SEGRETERIA TERRITORIALE DELLA FIOM DI TRIESTE LASCIA LA CGIL E ADERISCE A USB I componenti dell’ex segreteria territoriale Fiom di Trieste annunceranno domani, mercoledì 8 giugno, la decisione di lasciare il sindacato di Maurizio Landini e di aderire all’Unione Sindacale di Base. All’origine della decisione l’irreversibile processo regressivo in atto nella Fiom, come dimostra la firma apposta sotto il […]

Continua a leggere

CCNL Metalmeccanici: le grandi fabbriche hanno votato NO

Fim Fiom Uilm hanno “dato i numeri” relativamente al voto dei metalmeccanici sul contratto Nazionale: 80% di voti favorevoli si legge sul sito della Fiom. Niente dati disaggregati, niente sul voto nelle grandi fabbriche, quelle che hanno scioperato ma anche bocciato questo accordo definito dallo stesso Landini “innovativo”. Tanto innovativo che ha introdotto il salario in natura come nell’800 quanto […]

Continua a leggere

Assemblea nazionale metalmeccanica USB: tante voci, un solo NO.

Decine di delegati provenienti da tutto il paese hanno riempito la sala in cui oggi, 17 dicembre, a Bologna si è tenuta l’assemblea nazionale metalmeccanica per discutere della mobilitazione contro l’accordo siglato da fim fiom uilm per il rinnovo del contratto nazionale dei metalmeccanici. Un’assemblea aperta, plurale, partecipata oltre le aspettative. Un’assemblea nazionale pienamente riuscita e che ha rappresentato la […]

Continua a leggere

Cremaschi: sto con chi lascia la Cgil per continuare a lottare

Pubblichiamo un intervento di Giorgio Cremaschi sulla vicenda Cgil che si sta consumando in questi giorni. la redazione. Troppi silenzi, troppa poca generosità e forse troppa paura accompagnano la decisione di Sergio Bellavita, Maria Pia Zanni, Stefania Fantauzzi di annunciare l’abbandono della Cgil. Che i palazzi e i palazzetti più o meno legati al partito democratico, al governo Renzi, ma […]

Continua a leggere
1 2 3