Gli operai di AMR ringraziano Barozzi per l’ipocrita premura

In data odierna, nel giorno dello sciopero nazionale proclamato da USB, alcuni operai AMR dopo aver partecipato al presidio di USB innanzi alla sede INPS Provinciale di Trento, hanno deciso di fare un ulteriore passaggio dimostrativo innanzi al Comune di Mori, denunciando pubblicamente l’incapacità di tutela di lavoratori e della Comunità da parte dell’attuale amministrazione comunale capeggiata da Barozzi. Le […]

Continua a leggere

10 novembre: Sciopero e presidio a Trento

Lo sciopero di oggi non era cosa facile e per questo possiamo dirci soddisfatti della partecipazione allo sciopero ed al presidio che si è tenuto questa mattina davanti alla sede Inps di Trento. Tanti sono stati in Italia come in Trentino le persone che sono scese in piazza per contestare le politiche del governo, dell’Europa e per rivendicare più stato […]

Continua a leggere

Gatterer mente sapendo di mentire

La lettera inviata dal signor Gatterer ai “Collaboratori di SAD spa” è un atto grave dal punto di vista delle relazioni sindacali, inaccettabile nel suo contenuto ed offensivo nei confronti dei lavoratori SAD e dei loro rappresentanti sindacali in quanto inficiata da false affermazioni finalizzate a dividere i lavoratori. assumendo atteggiamenti da despota. Nel riservarci di valutare eventuali azioni legali […]

Continua a leggere

Progettone: Una risorsa per il Trentino

I lavoratori del progettone sono una risorsa non assistenzialismo Ci risiamo, In occasione della presentazione dell’assestamento di bilancio della PAT Confindustria non perde occasione per lanciare le sue critiche verso i lavoratori del progettone che lui continua a definire assistenzialismo. “Basta assistenzialismo ha tuonato il signor Busato di Confindustria puntando il dito sui 49 milioni di euro stanziato dalla PAT […]

Continua a leggere

SAD, l’arroganza che nasconde violazioni contrattuali.

Nessun passo avanti al tavolo tecnico convocato in Provincia. Infatti se andiamo oltre le frasi di rito, è emerso chiaramente la posizione intransigente del direttore della SAD il quale con un’arroganza inaudita e nel silenzio dell’assessore si è permesso di definire il comportamento del direttore dell’ispettorato del lavoro come frutto di un paese bulgaro e cambogiano. Solo la reazione del […]

Continua a leggere
1 2 3 10