La Francia prende una “pausa” sulla Torino-Lione. Definitiva

Il presidente della Repubblica francese Emmanuel Macron ha deciso di cambiare la politica dei trasporti nel suo paese, complice anche le difficoltà di bilancio, che costringono anche Parigi a stringere i cordoni della borsa. Una politica che rovescia l’ordine di priorità – in campo ferroviario – tra linee ad alta velocità e medio raggio, a vantaggio del secondo. Tra le […]

Continua a leggere

Minniti, la Costituzione Italiana e Erdogan

Dopo la grave intimidazione avvenuta nei confronti di un giovane avvocato romano Gianluca Dicandia, denunciato in base all’articolo 290 del codice penale, che punisce il “vilipendio della Repubblica, delle istituzioni costituzionali e delle forze armate per aver criticato la legge Minniti durante un flash-mob promosso da Amnesty International a Roma pubblichiamo il comunicato emesso dai Giuristi Democratici e Legal Team. […]

Continua a leggere

Caro PD, attentare il diritto allo sciopero è fascismo.

Caro PD, attentare il diritto allo sciopero è fascismo. Fascismo autentico. In pochi giorni il PD di Renzi, ma anche il sistema politico e mediatico che lo sostiene, hanno innalzato bandiere di segno opposto, sugli stessi temi, quasi contemporaneamente. Mentre in parlamento i piddini, in realtà senza grande impegno, sostengono lo Ius Soli, Renzi fa suo lo slogan di Salvini: […]

Continua a leggere

Assemblea nazionale di Eurostop

La relazione introduttiva di Giorgio Cremaschi. Care compagne, cari compagni, avete tante pagine di documenti e proposte, alcune chiarissime, altre un po’ più complicate, come sempre avviene quando si costruiscono sintesi di molte ricerche e lavori, tutti validissimi e che diffonderemo. Permettetemi quindi qui di illustrare quello che io considero lo spirito di fondo della nostra impresa, sperando così di […]

Continua a leggere

Confindustria e Papa bastonano CgilCislUil: “inutili e corrotti”

I salari sono bassi, vergognosamente bassi. Anche quei pochi “fortunati” (i giornali padronali ancora scrivono “privilegiati”) che hanno un lavoro da molti anni, e dunque salari fissati da contratti nazionali stipulati in altre condizioni, negli ultimi anni hanno visto bloccarsi la dinamica verso l’alto. Per precari e discontinui, invece, la dinamica è addirittura discendente, quando si passa da un lavoro […]

Continua a leggere
1 2