Sait, Coop Salute e la finta trattativa.

Oggi sulla stampa locale si poteva leggere che nell’incontro con il Sait la Filcams Cgil ha protestato per due motivi: l’esclusione dei cassaintegrati dal fondo sanitario e il mancato accordo sulla gestione degli esuberi.
Ma guarda gli scherzi della vita. Adesso i sindacati confederali, dopo aver raccontato la “bontà dei fondi sanitari” si accorgono che questi fondi sanitari valgono solo per chi lavoro e non per i cassaintegrati e per i licenziati.
Adesso che Sait per i lavoratori in cassa integrazione ha interrotto il versamento a Coop Salute (fondo sanitario della cooperazione) e quindi questi lavoratori non possono più contare su questa copertura prevista per gli aderenti al fondo i sindacati protestano e chiedono “grazia” all’azienda.
Questo conferma che sono le aziende ed i fondi che decidono chi e come hanno diritto di accedere ai fondi e quindi il diritto universale viene cancellato e sostituito con una politica fatta di concessioni da parte delle aziende.
La scelta del Sait e solo la conferma di quanto sta scritto nei regolamenti di questi fondi e quindi stupisce la reazione di quanti oggi fanno finta di rimanere sorpresi dell’esclusione dei cassaintegrati dai “benefici” di Coop Salute.
Purtroppo, e spero di sbagliarmi, questa “sorpresa” non porterà a un cambiamento di rotta da parte di Cgil Cisl e Uil sui fondi integrativi per avviare una battaglia vera per garantire l’universalità dei servizi come la salute, la pensione, trasporti, scuola e saperi che devono essere pubblici efficienti e gratuiti.
Giustamente Gino Stara ha ribadito, anche in occasione del festival dell’economia edizione n.12 che non si può dire se la sanità costa tanto o poco ma che la sanità deve costare quello che è necessario per garantire a tutti il dritto ad essere curato con le migliori tecnologie mediche.
Sulla cassa integrazione quello che avviene ai tavoli di confronto è solo la conseguenza naturale della rinuncia dei sindacati confederali a dare battaglia sul tema del contatto di solidarietà e quindi evitare i licenziamenti a monte.
Oggi, dopo che l’accordo ha dato mano libera all’azienda nella gestione degli esuberi (il sindacato è e sarà solo informato) e quindi lamentarsi sul latte versato appare un tentativo di avere visibilità e un tentativo mal riuscito di darsi una patina di dignità dell’agire sindacale.
Infatti non vedo all’orizzonte iniziative di lotta a sostegno delle posizioni assunte e questo conferma che una trattativa affidata solamente al dialogo porta solo a spostare nel tempo l’accettazione delle scelte dell’azienda.
p. USB Trentino
Ezio Casagranda

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.