Un patto corporativo contro i lavoratori

Cgil Cisl Uil e Confindustria: un patto per salvarsi a spese dei lavoratori. Concordato il blocco salariale

Nel 2009 Cisl e Uil sottoscrissero un accordo sul modello contrattuale con Confidustria senza la firma della Cgil. Un accordo separato che sancì, per la prima volta nella storia del nostro paese, la derogabilità in peggio dei contratti nazionali e la cancellazione dell’autonomia rivendicativa del sindacato sul salario attraverso l’indicatore Ipca, inferiore al dato Istat, costruito a tavolino allo scopo di ridurre le retribuzioni. Lo sciopero di due categorie della Cgil, Fiom e funzione pubblica, impedì a Guglielmo Epifani, all’epoca segretario generale Cgil, di sottoscrivere un accordo che in realtà aveva condiviso nella trattativa. Dal 2009 in poi la Cgil anziché contrapporsi lo applicò in tutti i rinnovi del contratti nazionali, ad eccezione della Fiom che per queste ragioni subì due accordi separati. Con la firma di ieri la Cgil rientra anche formalmente nel nuovo modello, contribuendo così a renderlo ancora più corporativo e autoritario.
Lo scopo principale di Cgil Cisl Uil in una trattativa carbonara e slegata da qualsiasi rapporto con i lavoratori era essenzialmente difendere le proprie organizzazioni dalla loro crisi, incrociando così anche la Confindustria, non meno desiderosa di porre un argine alla continua emorragia di adesioni ed alla perdita di ruolo sul piano generale.
L’impianto del nuovo accordo, almeno per quanto riguarda il ruolo del contratto nazionale sul salario, è lo stesso del 2009. Si consolida così la cancellazione dell’autonomia del sindacato sul terreno salariale, destinando il contratto nazionale esclusivamente al mero recupero parziale del potere d’acquisto.
Tuttavia si introduce una distinzione sul salario. Nasce il Trattamento Economico Minimo (TEM, cioè i vecchi minimi tabellari e il Trattamento Economico Complessivo (TEC) che oltre ai vecchi minimi conterrà altri elementi della retribuzione e anche il welfare. In sostanza i CCNL definiranno il TEC di ogni singola categoria allo scopo di svuotare ulteriormente il senso della contrattazione. Il TEC potrebbe infatti contenere le indennità, le maggiorazioni di paga oraria ecc con l’effetto che ciò che potenzialmente restava libero da vincoli verrà assoggettato al mero recupero del dato Ipca. Anche il cosidetto welfare introdotto nel TEC è destinato a snaturare ulteriormente il ruolo del contratto nazionale e della contrattazione in generale.
Lo stesso concetto di salario muta radicalmente con l’ingresso prepotente del welfare, cioè di risorse che ai lavoratori arriveranno solo come servizi direttamente dal contratto nazionale. Ovviamente in alternativa agli aumenti salariali, a tutto vantaggio delle imprese che beneficeranno della totale detassazione. Si conferma e si rafforza il divieto a rivendicare e contrattare salario strutturale ad ogni livello, demandando alla contrattazione aziendale la definizione di salario legato a obbiettivi, cioè variabile ed a termine. In altre parole il solo spazio di contrattazione consentito è quello del ricatto sulla prestazione in riferimento ai risultati d’impresa.
Nello spirito del Testo Unico del 10 gennaio 2014 si parla di certificazione della rappresentatività, anche per le associazioni padronali. L’obbiettivo, peraltro esplicito, è quello di impedire che il fortino degli accordi Cgil Cisl Uil Confindustria sia messo in discussione da soggetti senza adeguata rappresentatività considerato il proliferare di contratti nazionali in continuo dumping su salari e normative.
Tuttavia dietro il nobile obbiettivo si cela la difesa del proprio ruolo e degli interessi d’impresa considerato che in linea teorica potrebbero esserci accordi migliorativi di quelli sottoscritti dai sindacati più rappresentativi. Il tema dell’esigibilità dei contratti e delle sanzioni, tenuto nel cassetto in questi anni, tornerà di forza sui tavoli sindacali. In questo senso il patto firmato mette insieme due esigenze corporative.
Da una parte Cgil Cisl Uil, considerata la scelta di praticare il sindacalismo della miseria, agiscono per impedire la concorrenza del sindacalismo conflittuale nel rapporto con i lavoratori. Dall’altra parte le imprese pretendono che le buone condizioni che gli garantiscono Cgil Cisl Uil siano immodificabili e non possano essere cambiate con il conflitto. Un altro attacco violento al diritto di sciopero quindi che bisognerà vedere come verrà concretamente agito.

Così come si rafforza lo spirito derogatorio del CCNL in funzione dei cosiddetti bisogni d’impresa. L’accordo in sostanza consegna alle imprese mano libera su salari e condizioni di lavoro. Siamo davanti ad un vero e proprio blocco salariale senza nessuna contropartita, se non appunto per le organizzazioni firmatarie. Un patto neocorporativo quindi, svincolato da qualsivoglia riflessione sulla situazione materiale attuale del lavoro. Cgil Cisl Uil Confindustria esprimono un unico punto di vista: quello delle imprese, a cui tutto è concesso e consentito.
E’ finita definitivamente la stagione delle piattaforme rivendicative costruite sui bisogni dei lavoratori. La contrattazione è svuotata di senso e valore, indifferente e contraria agli interessi dei lavoratori. Il rinnovo dei contratti nazionali diventa così un puro atto notarile, in cui il salario è predeterminato dall’Ipca. Tante ragioni in più per organizzarsi fuori dal sindacalismo complice, entro il cui perimetro per i lavoratori non c’è alcuna risposta.

Unione Sindacale di Base

4 commenti

  • Saiani Aldo

    POLITICA.

    PERCHÉ ASTENERSI DAL VOTO.

    Sottoscritto oggi si astiene decisamente e convintamente dal voto, che politicamente significa prolungare la vita a questa democrazia corrotta e agonizzante.

    Il voto è l’ultima cosa rimasta gratuita nell’attuale società ormai compiutamente capitalista.
    Come definirla altrimenti?
    Viviamo tutti sotto la dittatura soft di un SISTEMA CAPITALISTICO planetarizzato, dove tutto è stato ridotto a merce , e quindi monetizzato.

    In questo contesto socio-economico la democrazia politica è una finzione, e il voto non vale nulla.
    Ma ancora per un poco ce lo lasciano, come si concede il divertimento ai bambini a carnevale.
    Una piacevole illusione di contare ancora qualcosa; un inutile esercizio di vanità.

    “Se il voto contasse qualcosa per il popolo, ce lo avrebbero già tolto”.
    Mark TWAIN.

    Imitate il sottoscritto, e disertate le urne de morti.

  • Saiani Aldo

    URAGANO POLITICO in ITALIA.
    Con concomitanti terremoto e tsunami.

    Niente più sarà come prima.

    Ingovernabilita’ assoluta del paese per la divisione del Parlamento in tre poli inconciliabili.
    Spaccatura geografica, con il SUD totalmente in mano al Partito Privato GRILLO/CASALEGGIO, il NORD in mano a Salvini, e il CENTRO controllato, ma soli in parte, dagli ultimi giapponesi del centro-sinistra.
    Fine di un’epoca politica con una definitiva Waterloo della sinistra riformista.
    Ottimo dal mio punto di vista, che da trent’anni sostengo che la sinistra o è marxista-leninista o è il nulla.
    E il nulla è arrivato.

  • Saiani Aldo

    W Marx, Lenin, Stalin, Mao, Castro, Ho Ci Min, e il nonno di Kim Jong Un.
    W il Partito Comunista di Marco RIZZO.

    E un velo pietoso sugli sfigati Allende, Berlinguer e Gorbaciov.

  • Saiani Aldo

    SITUAZIONE POLITICA POST-VOTO.

    Lo avevo ripetutamente scritto, che il VOTO è uno strumento obsoleto e perverso, quando il popolo è degradato a plebaglia.
    Una scheda nell’urna non costa niente e non vale niente.
    Nel voto prevale la pancia sul cervello, l’odio per l’avversario sulla razionalita’, e vengono eletti i peggiori.
    Una selezione alla rovescia.
    Questo voto ha portato ad una assoluta ingovernabilita, e ad una spaccatura politica insanabile fra il NORD produttivo e ricco e il SUD sfaccendato e parassitario.
    Il paese, dall’orlo del baratro, con queste elezioni è ora nel baratro, e sprofondera’ sempre di più.
    Ma state tranquilli che che questa è solo la prima scossa di terremoto.
    La seconda sarà in ottobre alle provinciali, e la terza alle europee in primavera, con la fasulla Europa che, fondata sulla sabbia del denaro e delle banche, andrà in mille pezzi.
    Non si costruisce una casa a partire dal tetto.
    Le fondamenta di una costruzione politica sono il lavoro, le identità dei popoli, la storia, l’ordinamento giuridico, le Forze Armate e le strutture produttive.
    Non la finanza, le borse e la stramaledetta TROIKA.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *