Dopo le cariche lo sgombero.

Assillo spioxCome sempre le forze di polizia non lasciano il lavoro a metà.
Sabato scorso hanno caricato per due volte – ferendo gravemente un giovane dimostrante – un centinaio di giovani che avevano osato scendere in piazza per gridare la loro contrarietà a quanti – spesso nel silenzio complice degli organi di informazione e delle stesse istituzioni – seminano odio razziale, intolleranza, razzismo e xenofobia tanto da manifestare tranquillamente con i nuovi fascisti di casa pound.
Oggi all’alba con un blitz, per fortuna non riuscito, la polizia in assetto antisommossa ha avviato lo sgombero della nave si san pio x a Trento, occupata da alcuni mesi per riportare all’attenzione pubblica il tema della casa e del diritto all’abitare.
Lo sgombero è stato portato a termine in tarda serata quando i giovani assillanti hanno deciso di scendere dal tetto per evitare che una polizia, sempre più nervosa a causa della solidarietà che ricevevano i giovani resistenti, decidesse di usare la forza bruta come avvenuto sabato scorso.
Oggi il quartiere di san pio x ha vissuto una giornata importante dove la forza di questi giovani ha fatto emergere tutte le contraddizioni e le ipocrisie di un potere politico amministrativo senza progetti e senza spina dorsale e quindi incapace di aprire un vero confronto con quanti – e sono molti e variegati – chiedono un confronto sulle politiche della casa e dell’abitare.
Purtroppo ancora una volta una politica pusillanime ha ceduto alle richieste di “legalità” avanzate dalla lega e dal centro destra.
Ma di quale legalità stiamo parlando??
Lasciare un sito pubblico vuoto e abbandonato è la vera illegalità oltre che essere uno schiaffo ai poveri ed a quanti sono soggetti a sfratto. Questa è la verità che i giovani della nave hanno fatto emergere e che i “benpensanti “ leghisti vorrebbero nascondere con i loro slogan razzisti.
Illegale e scandaloso è il fatto che nell’ultimo anno gli sfratti sono aumentati del 39%.
Illegale e vergognoso è il comportamento dell’ITEA (privatizzata) che lascia centinaia di appartamenti vuoti per mantenere alti gli affitti ed i profitti della speculazione.
Illegate ed immorale è la scelta di Itea di acquistare “l’invenduto” della speculazione edilizia ed immobiliare trentina aiutando i soliti noti e scaricando sull’emigrato la responsabilità dell’assenza di alloggi popolari.
Vergognoso è il comportamento dell’Itea che aumenta gli affitti con cadenza annuale come un qualsiasi privato.
Incomprensibile è il silenzio della chiesa che sul tema della casa e del diritto all’abitare non sa trovare una parola di richiamo verso questi amministratori pubblici.
Con lo sgombero di oggi il sindaco Andreatta ha mostrato – per l’ennesima volta – come a Trento la politica sulla casa e sugli spazi di socializzazione la faccia sostanzialmente la Questura, sgomberando e murando gli edifici vuoti e caricando anche a freddo, come successo sabato scorso, i manifestanti pur di stroncare ogni forma di protesta o di protagonismo sociale come e stato l’esperienza della nave in san pio x a Trento.
Per questo mi sento di gridare con forza:
Vergogna, vergogna, vergogna per una politica pusillanime
Solidarietà, solidarietà solidarietà per questi giovani che hanno saputo risvegliare un quartiere e mettere al centro i problemi sociali, dal lavoro. alla casa, dal reddito ai diritti, dalla difesa dei beni comuni alla difesa dello stato sociale.
Ezio Casagranda

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.