Cgil e Cisl Trentine allergiche alla democrazia

usb2015Di seguito il comunicato delle RSU USB Inps della Regione Trentino Alto Adige sulla trattativa riguardante l’orario di lavoro decentrato.
La redazione.
In data 20 novembre c.a. è stato presentato l ’accordo decentrato sull’orario di servizio e di lavoro per la sede Regionale del Trentino Alto Adige, implementato a 53 ore, secondo quanto disposto dalla Direzione Generale con messaggio Hermes n. 7492/2014 .
La Direzione Regionale, ha riferito che in merito alle richieste di modifica da apportare all’accordo decentrato avanzate dalla RSU era stata accettata la modifica della pausa pranzo (12,00 anziché 12,30) e per la flessibilità in ingresso/uscita di 2 ore poneva un’alternativa secca con l’istituzione di un turno pomeridiano.
Come USB abbiamo fatto presente che l’istituzione di almeno un turno pomeridiano poteva venire incontro alle esigenze reciproche di flessibilità sia per l’Amministrazione che per i lavoratori e facendo parte degli istituti contrattuali era poco ragionevole rinunciarvi.
Su tale questione è stato spiegato, dalla Vice Direttrice, che vi era una difficoltà oggettiva a concedere il turno, anche alla luce della contrattazione Provinciale.
La RSU, dopo una pausa di riflessione, e tenendo conto del sondaggio fatto tra i lavoratori, optava per la flessibilità in ingresso.
Bisogna sottolineare la disponibilità al dialogo e la pacatezza tenuta al tavolo Regionale, nonché l’acutezza della RSU regionale.
All’atto della firma c’è stata una grande sorpresa: la CGIL ha chiesto che sull’accordo decentrato sull’orario di servizio e di lavoro non fosse messa la nota a verbale della USB, anzi questa Organizzazione Sindacale pretendeva che non fosse nemmeno citata la “nota a verbale”, appellandosi alla Vice Direttrice per avere manforte.
La USB chiedeva alla CGIL e alla CISL, che subito si era accodata alla richiesta, quale normativa o contratto prevedeva ciò. Con grande stupore USB vedeva la CGIL e CISL rivolgersi alla parte DATORIALE per chiedere riscontro normativo.
La verità è che non esiste nessuna norma ne citazione sui CCNL, su ciò che hanno chiesto questi paladini padronali, ma semplicemente le stesse OO.SS., con UIL, avevano richiesto esplicitamente all’ARAN di pronunciarsi su tale possibilità, per azzittire l’allora RdB.
E poi ci stupiamo che i posti di lavoro assomiglino sempre più a delle galere, anziché ammodernarsi secondo le direttive europee !!!
Solo i lavoratori hanno un grosso potere per difendere i propri diritti, la tessera sindacale e il voto alle prossime RSU.

USB TRENTO

Un commento

  • Luciano Lorandi

    Non vi è ombra di dubbio che assieme alla “crisi finanziaria”,sia a pari passo cresciuta la “crisi” della “triplice sindacale”,ormai non più in grado di dare “risposte Efficaci” alle rinnovate esigenze di lavoratori/ci.Ormai il confine fra “concertazione” e “connivenza”non è più chiaro,anzi è diventato sempre di più un “scimiottare”il “potere”,sempre più a servizio dello stesso!!!
    Poi è arrivata “LA CRISI”:si salvi chi può ,tutti hanno mollato “tutti”,la cosa fondamentale era ed è non rimanere “troppo sotto vento”,in quella organizzazione se non si fa riferimento “a”o si è nella tale “aria”!
    Dicevamo la crisi ha messo TUTTI in crisi non ha caso all’interno dei tre principali organizzazioni sindacali ci sono stati dei cambiamenti ai vertici,due su tre hanno cambiato il segretario,ormai non più “PRESENTABILI”.E’ rimasta la “Susanna”che sembra la più accanita “a non mollare l’osso”,in realta è semplicemente molto arrabbiata che altri ,nelle simpatie di Renzi,l’abbiano sorpassata,avrebbe voluto essere lei al posto di un Poletti o addirittura un Padoan????Che presunzione e che errore politico,per altro con diverse esperienze alle spalle.NON SI PUO’ LASCIARE SOLI CHI LAVORA,CHI FA FATICA A VIVERE,CHI NON HA UN LAVORO, UNA CASA!!!
    NON SI PUO’ PIU’ GIRARSI DALL’ALTRA PARTE!!!!
    Bisogna prendere il coraggio a quattro braccia e pretendere DIGNITA’ PER TUTTI!!!!
    Non segretari,non funzionari che si devono “garantire il futuro”ma donne e uomini che sono stanchi di subire e di essere discriminati!!!!!
    ….chi lotta puo’ perdere,chi non lotta ha gia’ perso….USB.c’è chi dice NO!!!!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.