INPS: No al concorso truffa voluto da Boeri

IL CONCORSO INPS E’ UNA BUFALA – I 30 PUNTI DEI TITOLI FARANNO LA DIFFERENZA
Proseguiamo la nostra battaglia sindacale contro il concorso truffa voluto da Boeri e assecondato da CISL e UIL.
INDEGNO IL MERCATO DELLA CERTIFICAZIONE DELL’INGLESE
A leggere il bando di concorso per 365 posti a C1 di analista di processo – consulente professionale, pubblicato sul sito dell’INPS, quello che balza subito agli occhi è che 30 punti su 90 saranno assegnati in base al possesso di determinati titoli.
Sarà questo a determinare la graduatoria e non le prove selettive, dichiara la USB Pubblico Impiego INPS, perché sia nelle prove scritte che in quella orale la differenza di punteggio tra i candidati probabilmente non sarà tale da annullare il divario che si determinerà nei titoli.
Sembra un concorso cucito su misura, peraltro su una figura professionale di cui l’INPS non ha bisogno. Nell’Ente di previdenza c’è necessità di un profondo ricambio generazionale e di massicce assunzioni, ma per liquidare le prestazioni, per assicurare i servizi e non per predeterminare nuove figure di coordinamento a cui riconoscere indennità e ruoli direttivi.
Indegno il mercato che si è scatenato intorno al rilascio della certificazione del livello B della conoscenza dell’inglese, attestato previsto come criterio obbligatorio per partecipare al concorso e che viene rilasciato a pagamento da istituti autorizzati.
Tra 200 e 1.000 euro il costo della certificazione, che viene rilasciata in giornata, basta pagare in moneta sonante. Boeri, da bravo economista, ha messo in moto il mercato, incurante di chi non ha mezzi finanziari.
USB ha chiesto l’annullamento del bando e la sua riproposizione allargando la partecipazione a tutti i giovani laureati, secondo le reali esigenze professionali dell’Istituto previdenziale.
USB Nazionale
USB Trentino

199 Visite totali, 4 visite odierne

Un commento

  • Saiani Aldo

    TRIONFO DEL CAPITALISMO.

    Perché a partire dal 1989 ( a 170 anni dal Manifesto del Partito Comunista) il Comunismo è crollato su se stesso, favorendo così il trionfo del Capitalismo?

    Per una causa essenzialmente filosofica.
    La Weltanschauung del Capitalismo sulla natura umana è pessimistica: l’uomo è visto come individualista, egoista e utilitarista (Thomas Hobbes).
    La visione del Comunismo è ottimistica: uomo buono, solidale e comunitario ( zoon politikon di Socrate, Platone ed Aristotele).

    Oggettivamente la verità sta nel mezzo: la natura dell’uomo è una miscela di egoismo e di altruismo, di materia e spirito.
    Ma il problema sta nelle quantita’ rispettive che si trovano combinate nel singolo individuo.
    Lo spirito prevale in una esigua minoranza, laddove la materia domina nella stragrande maggioranza.

    E ciò per una causa biologica: la mamma degli ego-materialisti è sempre incinta.
    Bisogna prendere atto di questo enorme vantaggio biologico a favore del Capitalismo.
    A noi biologicamente e prevalentemente spirituali si pongono ora davanti due alternative:
    rassegnarsi o ribellarsi.
    Tertium non datur.
    Poiché il Sistema Capitalistico non piace al nostro istinto, siamo costretti a RIBELLARCI e rifondare il Comunismo su nuove basi filosofiche meno illusorie e più disincantate e ciniche.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *