Peru’: Leader sindacale licenziato…

Firma l’appello per la sua riassunzione

Se la società per cui lavori facesse faticare i lavoratori per 12-14 ore al giorno in condizioni miserabili, non lo faresti sapere? È esattamente ciò che ha fatto Fidel Polo Sanchez, leader sindacale ad Agricola Viru, uno delle più grandi piantagioni agricole per l’esportazione del Perù. Ora, Agricola Viru sta cercando di impedire a Polo e ai suoi collaboratori di diffondere la verità sulla loro società e sul settore agro-export, e il 12 luglio, hanno notificato a Polo che sarebbe stato licenziato per “diffamazione”.
Sociedad Agricola Viru, SA è una delle aziende più redditizie del settore dell’agro-export, che sta vivendo una forte espansione in Perù. Fornisce intatti Stati Uniti, Europa e Asia, con una gran parte di asparagi, peperoni e carciofi sui loro mercati. I loro enormi profitti sono resi possibili da leggi anti-lavoratori che permettono agli agro-esportatori di pagare i loro lavoratori con meno del salario minimo e con la metà dei benefici a cui altri lavoratori del settore privato hanno diritto.
Recentemente, i lavoratori dell’agro-export in Perù hanno suonato la carica per modificare questa legge, per ottenere di poter avere gli stessi salari e benefici del resto dei lavoratori del settore privato del paese, e Polo è stata una delle voci più importanti di questa campagna. Il 15 maggio, è apparso in un programma televisivo locale per parlare di questa campagna e di come Agricola Viru continui a offrire condizioni di lavoro al di sotto degli standard, nonostante gli enormi sacrifici fatti dai propri lavoratori.
Agricola Viru ha risposto sostenendo che Polo aveva dichiarato falsità riguardo l’azienda , citando alcune sue frasi come “[i lavoratori] devono comprarsi le proprie attrezzature di sicurezza,” e che “[lavoriamo in] in condizioni inadeguate.” Anche se Agricola Viru può considerare queste affermazioni come accuse infondate, il Ministero del Lavoro Peruviano di certo non lo fa: Agricola Viru è stata multata più volte nel corso degli ultimi tre anni per non aver fornito ai propri lavoratori adeguati dispositivi di sicurezza, per aver impedito le ispezioni sul lavoro, e per terribili condizioni di lavoro.
Fidel Polo avuto il coraggio di parlare apertamente delle ingiustizie nel suo posto di lavoro. L’enorme settore Agro-alimentare non può farla franca zittendo la voce dei lavoratori che hanno il coraggio di esporre il prezzo reale che viene pagato per mettere il cibo sulle nostre tavole. Scrivi ai dirigenti di Agricola Viru e dì loro che non ammetti violazioni della libertà di espressione dei lavoratori e del diritto di chiedere condizioni di lavoro decenti.

In collaborazione con Confederación General de Trabajadores del Perú (CGTP), la più grande confederazione sindacale del Perù

80 Visite totali, 1 visite odierne

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *