No alla manovra: Assemblea al CSO Bruno

Che la crisi strutturale e di sistema la vogliono far pagare a noi è ormai un fatto acclamato. Anche i più sfrontati sostenitori del capitalismo e coloro che decantano le doti del mercato come regolatore dell’economia sanno che la torta del profitto si sta rimpicciolendo e che per mantenere i privilegi delle varie caste e corporazioni è necessario restringere i diritti, tagliare lo stato sociale, rendere ancora più precari, ricattabili e poveri milioni di persone.
Cos’altro è la manovra classista del governo Berlusconi se non un’azione devastatrice applicata al nostro paese dai diktat della Banca centrale europea (Bce) e degli organismi sovranazionali che dopo aver salvato le banche, gli speculatori finanziari, i ricchi, ora scaricano i costi della crisi su di noi?
Come da più tempo andiamo a ripetere, non esistono territori immuni da tutto ciò, non esistono luoghi dove la morsa della crisi non si piega ai voleri delle lobby e dei poteri forti. Almeno non alle nostre latitudini.
E’ proprio dove viviamo i nostri affetti, le nostre relazioni e complicità che ci indigniamo di fronte a questo tipo di politiche che attaccano le conquiste sociali e quella dignità che ogni uomo e donna dovrebbero vedersi riconosciuta.
Non ci sono tentennamenti possibili di fronte all’ostinazione del potere che sulle scelte che riguardano il presente e il futuro non ha né orecchie per ascoltare chi sta in basso né interesse a sviluppare percorsi di vera democrazia. Esempi paradigmatici non mancano:
L’inceneritore, la TAV del Brennero e Metroland, opere faraoniche simili a macchinette “svuota soldi” pubblici, ghiotte solo per i rapaci costruttori; oppure la gestione dell’acqua che, nonostante una grande vittoria referendaria la ancori a bene comune, continua ad essere anche qui in Trentino gestita attraverso società per azioni.
Il lavoro piegato a nuove forme di schiavitù, i diritti sociali e collettivi sacrificati sull’altare dei mercati e delle borse, la questione del reddito cancellato dall’agenda politica dei governi ormai ridotti a semplici esecutori delle volontà della finanza internazionali fanno sentire tutto il loro peso anche sul territorio trentino.
Sembrerà un’ovvietà ma di cose da difendere, conquistarsi e da migliorare in Trentino ce ne sono parecchie e i nuovi possibili scenari che ci troveremo ad affrontare con i tempi che corrono saranno incerti ed assolutamente inediti.
Abbiamo il bisogno e il desiderio, partendo dal Trentino, di costruire un percorso politico comune, di analisi, di riflessione e di mobilitazione permanente dentro la crisi dove far crescere un’opposizione sociale e politica che sappia unire, immaginare e produrre alternativa.

Per organizzarci e per discutere di questo percorso comune vi invitiamo
giovedì 15 settembre ore 20.30 al Centro sociale Bruno.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.