Lettera aperta da parte dei licenziati dalla Cgil

Pubblichiamo questa lettera pubblicata sul Blog licenziati dalla cgil  che rimarca, oltre alla situazione interna alla Cgil più volte denunciata anche da questo Blog, come la stampa, salvo rare eccezioni, si sia imposta l’autobavaglio nei confronti di questi lavoratori.
La redazione.

LICENZIATI DALLA CGIL: LETTERA INDIGNATA ALLA STAMPA

4 Ottobre 2012 la Cgil di Cosenza condannata per aver sfruttato e sottopagato un dipendente; 16 Ottobre 2012 La Filcams – Cgil di Padova condannata per mobbing (si allega la sentenza).
Due sentenze brucianti nel giro di pochi giorni dovrebbero far riflettere ma anche suscitare indignazione. In tempi in cui la questione morale imperversa sulle pagine di tutti i giornali (in tutti i talk-show non si parla d’altro del declino della politica, della crisi dei partiti ecc..) ci si chiede come sia possibile che nessuno, fatta eccezione per qualche voce fuori dal coro(informazione libera, testate minori, internet), senta il bisogno di far conoscere ai cittadini la verità su quanto sta accadendo dietro le quinte del più grande sindacato italiano.
Più di una trentina di casi in tutta Italia, alcuni processi già conclusi a favore dei lavoratori, altri ancora in fase dibattimentale. Siamo lavoratori giovani e meno giovani. Le nostre storie sono pubbliche (ci siamo autorganizzati in un blog (www.licenziatidallacgil.blogspot.com) per dare voce al silenzio che si è steso sulle nostre vite come una cappa pesante.
Finti contratti di collaborazione a progetto, lavoro nero, nessun rispetto delle norme contrattuali, licenziamenti discriminatori, mobbing e si potrebbe continuare, purtroppo, a lungo. Come è possibile che tutto ciò non indigni? Che non riesca minimamente a scalfire l’opinione pubblica? Eppure anche i sindacati vivono con i contributi pubblici, proprio come i partiti. Non solo: i lavoratori devolvono una cifra annuale dalla loro busta paga per sostenere coloro che dovrebbero difendere i loro diritti. Sanno in lavoratori che i loro soldi vengono usati anche per pagare gli avvocati che devono difendere alcuni dirigenti della CGIL dalle accuse dei lavoratori licenziati? No. Non lo sanno.
Sanno i cittadini italiani che parte delle finanze pubbliche vengono erogate ai sindacati solo ed esclusivamente in relazione alla missione che hanno deciso di svolgere dal momento della loro costituzione fino ad oggi? E sanno che in alcuni casi questa missione è stata tradita? No. Non lo sanno perché i grandi giornali, i mezzi di comunicazione di massa tacciono su tutte queste vicende. Eppure sono ben note. E’ dal 2010 che internet è pieno di dichiarazioni, di fotografie, di ricorsi e sentenze. Ma non basta. Ci si ostina a nascondere la polvere sotto il tappetino. Dal canto loro i vertici di Corso d’Italia insistono sul fatto che si tratta di casi isolati e comunque di pochissimi casi. Cosa importa? Anche un solo caso dovrebbe far scatenare la rabbia.
Che fine hanno fatto i dirigenti che hanno perpetrato le ingiustizie a danno dei lavoratori? Sono stati puniti? Cacciati? No. Nella maggior parte dei casi sono ancora lì. Continuano la loro attività sindacale, malgrado le sentenze siano già state emesse. Malgrado la legge li abbia condannati. Eppure in questi casi nessun giornalista ne chiede le dimissioni.
Nessuno scrive che la CGIL nazionale ha deciso di querelare per diffamazione uno dei pochi che ha deciso di metterci la faccia (Luigi Monfredi del TG1). L’inizio del processo a suo carico è fissato proprio per il prossimo 20 ottobre. Perché non sentiamo nessun giornalista indignato alzare la voce dalle colonne del suo quotidiano per il fatto che la grande organizzazione sindacale – la stessa che scendeva in piazza per la libertà di stampa nell’era Berlusconi – decide di trascinare in giudizio un collega che stava informando i cittadini di una manifestazione sotto la sede nazionale della CGIL? Dieci giorni siamo stati lì sotto a chiedere alla Camusso un incontro. Dieci interminabili giorni.
Abbiamo anche occupato simbolicamente la sede del NidIL Cgil. Com’è possibile che tutto ciò non faccia notizia? Che nessuno si interroghi sulle responsabilità oggettive che vanno ben al di là della soggettività delle azioni che investe i singoli dirigenti locali. Perché la CGIL non può permettersi zone d’ombra. Deve essere chiara. E se deve punire lo faccia senza ulteriori indugi. Altrimenti saranno tutti complici.
Detto questo sorge spontanea una domanda: la crisi della politica, l’astensionismo galoppante, la discussione sul rinnovamento all’interno dei partiti sarebbero stati pensabili senza l’informazione dei media? Se i cittadini fossero rimasti all’oscuro di quanto stava accadendo nelle varie regioni, nei comuni avrebbero manifestato per chiedere chiarezza e coerenza ai politici? E se la stampa e gli intellettuali non si fossero mobilitati raccogliendo le firme oggi la legge anti corruzione sarebbe all’ordine del giorno nell’agenda politica? Queste domande non sono avulse rispetto al contesto in cui si inseriscono le nostre denunce.
Il rinnovamento della politica, la questione morale non investe solo i partiti (e nemmeno solo una parte di essi). Riguarda anche il sindacato. L’interesse a fare pulizia e a cacciare chi ha tradito i valori e gli ideali dell’organizzazione deve essere innanzitutto della stessa CGIL. Noi oggi chiediamo, per l’ennesima volta alla Camusso e ai sindacalisti perbene della CGIL (che sappiamo essere in tanti) di far sentire le loro voci autorevoli su queste vicende. E ai giornalisti seri di questo paese chiediamo di smetterla di tacere su di noi. Perché la verità è un diritto. E perché non si potrà continuare a tenerci chiusi in cantina a lungo. Anche perché noi non abbiamo alcuna intenzione di desistere dalla nostra lotta per riappropriarci dei nostri diritti di cittadini e di lavoratori.

Lavoratori licenziati dalla CGIL

66 Visite totali, 1 visite odierne

5 commenti

  • Ezio

    E pensare che molti continuano a pensare che in Italia la stampa è libera!!! Questi fatti confermano che la collocazione dell’italia al 73esimo posto al mondo per la “libertà di stampa” è più che meritato.

  • Morena

    Veramente sconvolgente ,per mandare un fax la c.g.i.l una settimana ,e se mi ritrovo licenziata dal progettone ,posso ringraziare questo sindacato,da maggio che chiedevo un intervento(visto che ero tesserata ) ma mi è stato detto di aspettare il licenziamento ,e peggio ancora affidarmi ad un delegato ,che invece di attenersi ai certificati ,come la cooperativa le coste ,voleva che togliessi le limitazioni ,vergognoso ,a che cosa ci servono sindacati cosi? lavorano solo per convenienza al proprio portafoglio ,e non aggiungo altro .morena

  • Mi spiace Morena, che tu sia stata affidata ad un delegato. Ciò malgrado non voglio fare difese d’ufficio di nessuno, ma rimarcare che non sei più l’unica, come ti è parso, e nemmeno l’ultima che dal Progettone è stata licenziata.
    C’è eccesso di libero arbitrio da parte dei consorzi cooperativi e delle consorziate. Pubblicamente assistito, e quindi incoraggiato di fatto, oltre che di presunto diritto…

    • A onor del vero qualcuno è stato costretto a dimettersi e poi riassunto in maniera tutt’altro che trasparente, alias per chiamata diretta, in altro pubblico posto a chiamata diretta… In quel caso veniva calpestato il diritto costituzionale alla salute basato su visite preassuntive fatte nel comparto e non mirate alla destinazione effettiva in un CRM, per un trasferimento evidentemente punitivo. Purtroppo la lavoratrice non era degnamente assistita.

  • Penso che il diritto di licenziamento sia tutelato anche per le Organizzazioni sindacali. Non conosco le vicende umane e personali dei singoli, ma certo un problema di democrazia interna associato ad un rapporto con i media da socialismo reale è intrinseco all’attuale assetto di governo della CGIL del Trentino. Ho letto più volte sui quotidiani pezzi di miei comunicati stampa trasformati in articoli da professionisti del copia e incolla, dove però l’autore spariva, insieme alla Organizzazione sindacale che rappresento, per lasciar spazio a sbrodolanti brodi di giuggiole fra aziende miracolate dalla crisi, Assessori dai poteri taumaturgici e sindacalisti consenzienti ed ossequiosi. Puah!

    Giovanni Galluccio

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *