NO al PURCELLUM sindacale

Nella mia lunga esperienza sindacale non mi era mai capitato di vivere in prima persona la scena madre del film “L’uomo di marmo”. Ora mi è successo. Ero sfuggito alle maglie strette della selezione preventiva di coloro che avevano diritto a partecipare alla riunione degli esecutivi CGIL CISL UIL. Su circa 150 persone ero la sola in dissenso con la proposta sulla rappresentanza illustrata dalla relazione di Bonanni.
Ho pertanto presentato la mia regolare richiesta di intervento, a cui non ho avuto alcuna risposta da una presidenza che guardava le nuvole. Allora, conclusa la relazione sono intervenuto con una mozione d’ordine, chiedendo di sapere se il dibattito era aperto a tutti i partecipanti che formalmente ne avevano il diritto oppure no.(…)
Angeletti mi ha risposto a nome di tutta la presidenza di no, parlavano solo gli oratori concordati preventivamente dalle segreterie… A questo punto ho detto che fare una riunione sulla democrazia ed escludere preventivamente chi è in dissenso, anche se avrebbe tutti i diritti  di intervenire,  è una precisa rappresentazione di ciò che si vuole fare.
Ero solo in quella sala a non essere d’accordo, che paura avevano di sentire le mie ragioni per 5 minuti? Ma non volevano proprio sentirle e quando la mia indignazione mi ha spinto a dire alle loro facce ipocritamente sorridenti che si dovevano vergognare e che in fondo la loro intolleranza corrispondeva a quello ha stavano decidendo sulla rappresentanza, cioè la cancellazione del dissenso, sono esplosi.
Ho visto una mano che cercava di staccare la corrente dal microfono, mentre diversi segretari confederali mi si avvicinavano e cominciavano a spingermi giù dal palco, uno di loro mi sussurrava di preoccuparmi per la mia salute. Interveniva il servizio d’ordine che a spintoni mi accompagnava fuori dalla porta della sala. Se non fossimo stati in una riunione degli esecutivi CGIL CISL UIL si sarebbe detta una scena di violenza.
Ripeto io avevo formale diritto a parlare in quella sala, ma quel diritto non mi è stato negato per caso.
L’accordo sulla rappresentanza che CGIL CISL UIL stanno definendo con la Confindustria è infatti un brutale atto di normalizzazione autoritaria delle relazioni sindacali. Esso stabilisce che il diritto alla rappresentanza ce l’hanno solo coloro che preventivamente accettano quell’accordo. Cioè puoi partecipare alla misurazione della rappresentanza e alle elezioni delle rsu solo se accetti la flessibilità e le deroghe ai contratti e soprattutto se ti impegni a non scioperare se in disaccordo. Esattamente quanto è avvenuto alla Fiat di Marchionne,  che ora viene esteso a tutti.
La nuova rappresentanza sindacale seleziona preventivamente chi ha il diritto alla democrazia e chi no. È il tavolo che che decide chi rappresenta i lavoratori e non sono i lavoratori che scelgono chi li rappresenta al tavolo.
È come se la riforma elettorale del governo Letta stabilisse che alle prossime elezioni politiche potranno partecipare solo coloro che votano oggi la fiducia al governo delle larghe intese. Non vorrei che l’accordo sindacale gli suggerisse l’idea.
D’altra parte tutto questo è in perfetta sintonia con l’impianto politico del governo appena varato, in un certo senso ne rappresenta il versante corporativo. CGIL CISL UIL e Confindustria varano oggi il governissimo delle parti sociali. Ma il fatto più grave non è neanche questo. Il fatto più grave è che chi non è d’accordo non ha più né diritto di parola né diritto di rappresentanza.
Questo è il  fatto enorme, enorme è la sopraffazione che si sta organizzando e che, come sempre, per riuscire ha bisogno del silenzio. Che viene alimentato dalla solita stampa  di governo, che ora esalta la ritrovata unità sindacale.  Quando invece quella di oggi è l’esatto opposto della unità sindacale degli anni 60 e 70. Quella apriva  la via alle conquiste del lavoro e della democrazia, quella includeva. Questa subisce e accetta le regole imposte dal mercato e dalle imprese, riduce la democrazia, esclude.
Per questo bisogna fare tacere ogni voce di dissenso.
L’accordo sulla rappresentanza è troppo scandaloso perché lo si conosca veramente. Deve passare attraverso la rappresentazione politica mediatica che ne cancella i contenuti reali. Le voci fuori dal  coro sono pericolose…qualcuno potrebbe accorgersi che il re è davvero nudo.
Per questo non ci fermeremo e continueremo a spiegare con tutte le forze che abbiamo cosa è davvero il porcellum sindacale e perché bisogna combatterlo.
Giorgio Cremaschi

276 Visite totali, 2 visite odierne

8 commenti

  • Enrico Zecchin

    Non mollare Giorgio. Oltre a te c’è ancora gente (spero tanta)che vuole dar voce al dissenso.
    Un caro saluto Enrico

  • anna

    Capisco che può sembrare una non soluzione…ma se restituissimo (e non stracciassimo) tutte le tessere sindacali alla segreteria con una motivazione concordata?

  • enrico

    Ma dove va a finire la gloriosa Cgil di Di Vittorio???

  • Ezio

    Il dissenso trova sempre meno cittadinanza dentro la Cgil il sindacato che per autonomasia dovrebbe essere esempio di democrazia, di solidarietà e di giustizia sociale.
    Purtroppo la gestione Epifani-Camusso ha messo in secondo piano questi valori subordinandoli alla ricerca di una unità impossibile con la Cisl e all’intesa con Confindustria.
    Questa linea non ammette dissenso e quindi da Trento a Palermo, da Trieste a Treviso e perfino dentro la Fiom Nazionale la democrazia è vissuta con sempre maggiore fastidio e quindi chi dissente dal “capo” è fuori.
    Se a questo aggiungiamo l’uso disinvolto della precarietà nei “servizi” della Cgil il quadro torna. Questo sistema politico-sociale va bene a questa dirigenza Cgil. Mettiamoci in marcia per cambiare il gruppo dirigente, la sola strada che può salvare il grande sindacato che fu di Giuseppe Di Vittorio.

  • massimo

    Piana solidarietà a Cremaschi e a tutti quei compagni che per le loro idee sono stati isolati e tutt’ora vengono emarginati dalla Cgil.
    Trento ne è stato un esempio. 13 espulsi per la Camussso e il compagno Casagranda sospeso per le sue critiche al gruppo dirigente della Cgil trentina.
    Ma dove sta la democrazia???

  • Carlos

    Solidarietà e Cremaschi, vergogna per Cgil Cisl e Uil

  • massimo

    Quello che mi lascia perplesso è la posizione della Fiom. Qualcuno mi sa spiegare i motivi che hanno portato Landini ad accettare questo accordo porcellum???

  • luciano lorandi

    E’ ,secondo me, molto interessante la domanda che pone Massimo.Quali motivi hanno spinto Landini ad accettare questo accordo/porcellum?Accordo che ci fa, solo e forse votare,ma su chi,su che cosa,se lo hanno gia deciso loro tutto quello che c’era da decidere,e questo grande passo avanti è compensato da dei passi indietro ben precisi,raffreddamento e via dicendo.E gli interessi dei lavoratori chi li fa????

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *