Legge sui Vitalizi: la porcata 2.0

vitalizi4Quando abbiamo deciso di portare la protesta in piazza contro i vitalizi ed i privilegi della politica, siamo stati facili profeti nel prevedere che alla fine questo consiglio, in spregio al sentire dei cittadini, non avrebbe cancellato vitalizi e privilegi, come più volte furbescamente dichiarato alla stampa, ma solo effettuato qualche limatura alla scandalosa legge del 2012. E così è stato
Nella discussione abbiamo assistito ad affermazioni sbalorditive e molti, troppi consiglieri con una spudoratezza senza limiti, sostenevano che quei soldi “se li erano meritati” per il duro lavoro fatto neanche si trattasse di lavorare in miniera o in fonderia con turni notturni.
Sarebbe interessante se la stampa indipendente pubblicasse gli estratti degli interventi dei consiglieri da cui ne uscirebbe uno spaccato della loro arroganza e lontananza dai cittadini di una politica sempre più autoreferenziale e priva di ogni spinta verso la sobrietà.
Il Consiglio regionale, accettando le mediazioni fatte in altre sedi, alla fine abdicando al suo ruolo di rappresentante del popolo, ha votato a maggioranza la PORCATA 2.0.
Una legge che sostanzialmente lascia invariati i privilegi dimostrando, se ancora ce ne fosse stato bisogno, che “La CASTA non accetta processi (vedi Grisenti) e nemmeno le critiche (vedi nuova legge)”. Loro, con una sprezzo verso i cittadini, proseguono sulla loro strada contando sul fatto che fra 4 anni, alle nuove elezioni, la gente o avrà dimenticato o ai più critici diranno che loro erano contrari e che la colpa è di altri.
Sostenere poi – come fa il presidente Rossi ed il PD, che comunque è un passo avanti suona come una beffa nei confronti di tutti i cittadini che lavorano, pagano le tasse, ma sopratutto nei confronti di giovani e disoccupati che si vedono sottrarre (sarebbe più giusto dire “rubare”) ingenti risorse che potevano essere messe a loro disposizione per la ricerca di un lavoro o per interventi sociali e di solidarietà.
Niente da fare, questa CASTA è indifferente a tutto tranne al suo personale tornaconto ed a quelli dei loro famigliari visto la reversibilità di questi privilegi.
“State dimostrando che siete qui solo per i soldi” recitava lo slogan del comitato “aiutiamo a cambiare che per tre mesi ogni mercoledì presidiavano piazza Dante.
Mai slogan fu più veritiero.
A Rossi ed alla maggioranza, ma anche a quanti ritengono insufficiente questa legge, possiamo solo dire che difronte all’arroganza della SVP sono stati incoerenti e pavidi in quanto non hanno avuto il coraggio di approvare una legge anche se questo avrebbe fatto saltare l’alleanza in regione. Nei fatti, hanno dimostrato che gli interessi personali e di partito prevalgono sull’interesse generale.
Avrebbero potuto chiamare i cittadini a votare su un referendum consultivo per farsi dare il necessario mandato per approvare la legge che avrebbe dovuto cancellare la legge sui vitalizi.
Questo non è stato possibile perché la proposta della maggioranza, come quella approvata ieri, correva sullo stesso binario. Quello di ridurre, ma non cancellare, vitalizi e privilegi della casta a trazione autonomista che regge la regione Trentino Alto Adige.
Per questo non hanno avuto il coraggio di sfidare le opposizioni anche a costo di mettere in gioco la loro sedia. Tanto la loro poltrona vale di più che una buona legge.

Ezio Casagranda
USB Trentino, SBM e Slai Cobas

Un commento

  • antonio

    Sono stato partecipe della protesta. Non mi lamento del risultato, non avevo ne speranze ne dubbi…solo il naturale sostegno a “chi” ci credeva molto più di me e comunque, come in tutte le situazioni di ingiustizia, lo schierarsi dalla parte della “vittima” è per me naturale e obbligato. Non è questa la lotta principale, anche se il solo sapere e leggere di quello che questa classe – inetta e superficiale – gode sfrontamente e impunemente a nostre spese, fa vomitare dal disgusto…è un sistema da combattere ingiusto e vorace che sperpera e dissolve negli affari privati il lecito e l’illecito, consuma danaro e territorio per scopi che non hanno futuro se non nel peggiorare le condizioni di vita dell’uomo e dell’ambiente.
    Detto questo…rimane l’interrogativo di sempre: cosa fare, come muoversi per fermare questa macchina che si alimenta con il minimo di consenso della gente, ma che comunque gode dell’apparato dello Stato?
    antonio

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.