INPS Trento: Incontro con il presidente P.Tridico

Ieri 3 giugno 2019 alle 15,30 il presidente dell’ INPS Pasquale Tridico si è presentato in Sala Bilia a Trento.
Alla sua destra il Direttore Provinciale, alla sua sinistra il Direttore Regionale e il Dirigente delle Relazioni Istituzionali.
Alla cerimonia c’erano tutti. In prima fila le Organizzazioni Sindacali che si sentono protagoniste della gestione dell’INPS Trentino, dirigenti e alcuni capi centro.
Dietro i responsabili (TEAM) regionali, qualche responsabile provinciale, penultimi le RSU Provinciale con USB INPS, e infine alcuni lavoratori della sede regionale.
Il Presidente partendo dall’ultima fila ha stretto la mano a tutti, presentandosi e chiedendo il nome dei presenti.
Infine dopo un breve saluto ha esposto le tematiche più discusse all’interno dell’Ente, quali:

  • la necessità di risolvere problema “mansionismo” con il giusto inquadramento giuridico ed economico,
  • l’internalizzazione dell’informatica e il miglioramento della stessa, con la costituzione di una Direzione Centrale,
  • la necessità di una Direzione della Formazione e l’attenzione ad una formazione continua,
  • la creazione di una Direzione del Welfare e di inclusione sociale,
  • l’importanza di modificare la legge sull’esaurimento del ruolo degli ispettori di vigilanza e creare una nuova D.C. di Vigilanza Ispettiva,
  • in fine la creazione di una Direzione di Collegamento territoriale, tra Direzioni Centrali e Direzioni Territoriali.

Dopo aver sentito i capi centro, alcune sigle sindacali e noi di USB che abbiamo sottolineato la necessità di un’organizzazione più snella e un collegamento maggiore tra periferia e centro, rilanciando il “Modello per Processi” più funzionale, professionalizzante e solidale. Abbiamo portato il saluto al Presidente dei lavoratori non “titolati” e il rammarico di non essere stati invitati.
Il Presidente ha ringraziato tutti della presenza, ha invitato a diffondere il presente messaggio “io autorizzo tutti i lavoratori a scrivermi ed esporre le loro opinioni sulle attività, le difficoltà e il miglioramento in abito lavorativo”.
Ha informato che in Trentino arriveranno 23 unità tra mobilità interna e neo assunti, invitando tutti ad operarsi per un passaggio di conoscenze orizzontale e di integrazione.
Il silenzio della nostra dirigenza, non faceva trasparire il loro pensiero.
 
USB TRENTO

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.