Sciopero contro la guerra

I portuali di Genova sono in sciopero ( CULMV e GMT LAVORATORI) oggi dalle ore 6 per non caricare le armi per la Marina saudita che verranno utilizzate per la guerra dello Yemen.

Dopo il rifiuto degli scaricatori di Le Havre in Francia e la manifestazione a Santander in Spagna è un chiaro messaggio di una parte dei lavoratori e del movimento antiguerra contro l’esercito, contro l’Arabia Saudita e contro la guerra dello Yemen.

La mobilitazione genovese ha aperto uno squarcio nel velo di ipocrisia di cui si sono cinti tutti coloro che ad ogni ordine e grado, in qualsiasi schieramento politico e sindacale, hanno sostenuto e alimentato il business della guerra, provocando sofferenze indicibili ad un popolo che da poco tempo aveva conosciuto la riunificazione, in cui il colera ormai è diventato endemico, e i bambini muoiono di malnutrizione quando non vengono massacrati dai bombardamenti della coalizione, a guida saudita, a cui il nostro governo, come quello francese, vende armi.

I camalli genovesi – come gli attivisti in Francia ed in Spagna prima di loro – mostrano la via, e inchiodano alle loro responsabilità chi ha dichiarato di essere al loro fianco e che ha disertato questa importantissima lotta, nel denunciare il ruolo nefasto che l’Unione Europea (ed i governi alla testa degli stati che la compongono) svolge nella spirale bellica perché: chi fa la guerra non va lasciato in pace.

I nostri fratelli e sorelle dello Yemen non potranno mai camminare da soli!

USB Internazionale

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.