SAE: Sciopero contro i licenziamenti

sbmUn’altra grande ditta d’autotrasporto delle merci chiude e scappa in Romania: questa volta è la SAE – Servizi Autotrasporti Europei Spa con sede in Trento a via Innsbruck n. 45. L’impresa di Alfredo Bonetti, che ha goduto di numerosi finanziamenti pubblici, ha avviato alla chetichella le procedure di licenziamento collettivo, avvisando CGIL, CISL e UIL che in ditta non contano nulla e sono sempre ben disposte: ARCESE TRASPORTI SPA ad Arco, MARTINELLI TRASPORTI SAS ad Ala, ora SAE SPA a Trento.
L’unica organizzazione sindacale realmente rappresentativa, cioè SBM (Sindacato di Base Multicategoriale) che conta circa 40 iscritti con una propria RSA ed i suoi rappresentanti firmatari di tutti gli accordi collettivi applicati nella ditta di Bonetti, è stata esclusa.
Stamattina è partito lo sciopero ad oltranza degli autisti. Camion non entrano e non escono dallo stabilimento aziendale.
La vergogna è che a scappare in Romania sono solo le tasse ed i contributi! Le infrastrutture aziendali, il parco veicoli, il lavoro ed i profitti rimarranno a Trento. La ditta non si muoverà da via Innsbruck n. 45. Semplicemente le attività di autotrasporto si svolgeranno con la Sae Dacia (con sede legale – fittizia ovvio! – a Bucarest) anziché con la SAE SPA di Trento. Il personale assunto in Italia (con garanzie e diritti) verrà licenziato quasi tutto e verranno assunti in ROMANIA autisti con contratto di diritto in quel paese, senza diritti e con protezioni minime.
Ovviamente silenzio da parte della PAT e dell’assessore “alla disoccupazione” Olivi che sa solo regalare soldi ai “capitalisti coi soldi pubblici” come Bonetti, Martinelli, Arcese, ecc.
SBM Trento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.