CCNL Metalmeccanici: Costruire una piattafoma alternativa e di classe

Si è svolto oggi a Bologna il 3° attivo dei delegati Metalmeccanici per discutere della situazione generale e della necessità di costruire una piattaforma alternativa e di classe che sappia rappresentare le esigenze e le aspettative dei lavoratori e delle lavoratrici.
Con l’ultimo contratto sono peggiorate le condizioni di lavoro in fabbrica: il salario ha perso potere di acquisto, è aumentata la flessibilità e la precarietà mentre il welfare aziendale è stato un affare solo per le aziende che hanno risparmiato contributi e per i sindacati che hanno visto aumentare i loro posti nei consigli di amministrazione.
Le logiche privatistiche imposte dall’Europa hanno peggiorato diritti e prestazioni dello Stato Sociale avvenute nel silenzio delle tre Confederazioni.
Costruire una piattaforma alternativa significa partire da qui. Dalle condizioni di lavoro in fabbrica e nella società.
Per questo USB proporrà una piattaforma che abbia al centro:
• AUMENTI SALARIALI CERTI, UGUALI per TUTTI e SVINCOLATI da qualsiasi indicatore, Ipca compreso;
• IL CONTRASTO alla PRECARIETÀ dilagante ad ogni forma di diversificazione dei trattamenti economici (Stesso lavoro, stesso salario) per rendere il Contratto uno strumento inclusivo, stabilire l’uguaglianza in fabbrica oltre a dare un futuro di certezza ai giovani e non solo a loro.
• RIVENDICARE UN PROGRAMMA DI INVESTIMENTI SULLA SICUREZZA per ridurre infortuni, malattie professionali e debilitanti a causate del continuo aumento delle saturazioni e dei ritmi di lavoro;
• L’avanzare della tecnologia impiegata nel ciclo produttivi – la cosiddetta fabbrica 4.0 – riporta al centro la questione della RIDUZIONE DELL’ORARIO DI LAVORO come condizione per la salvaguardia dell’occupazione;
• NESSUN trasferimento di salario dalla busta paga verso di welfare aziendale per contrastare la strisciante privatizzazione della previdenza e sanità che devono rimanere PUBBLICHE e DIRITTO UNIVERSALE di ogni lavoratore edi ogni cittadino
Il Contratto deve quindi essere lo strumento dei lavoratori per ristabilire l’uguaglianza dentro il mondo del lavoro, contrastare la precarietà e per ripristinare in azienda l’articolo 18 dello Statuto dei Lavoratori come condizione per evitare la precarizzazione generalizzata del lavoro.
USB c’è e intende battersi per un CCNL che sappia invertire la lunga stagione della svendita dei diritti di chi lavora

Ezio Casagranda
Usb Lavoro Privato

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *