Trentino Trasporti: la lotta non si ferma

scioperoTPLIn data odierna si è tenuto presso gli uffici della PAT di via Vannetti a Trento, un incontro tra la scrivente federazione provinciale e l’assessore alle infrastrutture Mauro Gilmozzi assieme al Dirigente del Servizio Trasporti Pubblici Roberto Andreatta ( già negatosi ai lavoratori in sciopero l’8 gennaio scorso, adducendo quale scusante il fatto di non essere l’interlocutore adatto), durante questo incontro la scrivente hanno esposto le problematiche che hanno condotto i lavoratori allo sciopero ed hanno chiesto che l’assessore convochi un tavolo tra sindacati e azienda.

Le richieste fatte sono state respinte dall’assessore precisando che gli incontri vanno chiesti all’azienda e non alla Provincia, per questa ragione le scriventi faranno richiesta di un incontro con la controparte aziendale per esporre in tale sede le problematiche dei lavoratori ed una proposta sul reimpiego dei 24 minuti.

Inoltre vogliamo sottolineare che mentre la provincia ha acquistato i famosi mezzi ad idrogeno e costruito, per poi smantellare, il distributore spendendo milioni di euro, impone ai lavoratori di eliminare i 24 minuti e mantiene 150 dipendenti a contratto a tempo determinato.

Vedendo la partecipazione del Dirigente Roberto Andreatta all’incontro odierno, crediamo che, come era stato già da noi dichiarato nell’occasione stessa, il dirigente era l’interlocutore adatto, opinione confermata anche dai continui suggerimenti che il predetto dirigente dava all’assessore e dalla dichiarazione del medesimo che Andreatta è titolato a tutti gli effetti.

Alla luce dell’incontro odierno viene quindi confermato lo sciopero indetto per il 2 febbraio 2015 dalle ore 11:00 alle ore 15:00 (impianti fissi ultime 4 ore).

USB Lavoro Privato

Un commento

  • antonio

    E’ il solito balletto delle competenze per confondere le responsabilità… La lotta continua fino alla vittoria finale. Non mollare è l’imperativo d’obbligo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.