Storie di grandi opere o di grandi speculazioni?

Non è solo il Nuovo Ospedale di Trento la realtà dove si sperimenta il project financing (Finanza di progetto) per la costruzione di opere pubbliche da parte delle Amministrazioni.
La piana Rotaliana è stata interessata dal dibattito sulla “grande opera” denominata centro natatorio. I sindaci dei comuni di Mezzolombardo, Mezzocorona e San Michele A/A avevano già nel 2012 manifestato le loro perplessità dopo il fallimento della ditta S. Paolo Partecipazioni spa di Treviso preposta alla realizzazione dell’opera.
Il risultato è stato: una marea di soldi pubblici gettati al vento e tempo sprecato.
Le decisioni del Tribunale Amministrativo Regionale sui terreni della famiglia De Cles hanno causato ulteriori danni economici ad oggi quantificabili in 750.000 euro.
Il maxi risarcimento ha fatto dire ai sindaci rotaliani: ”la piscina costa troppo”. Scavando nel progetto della piscina le sorprese non mancano.
Oggi si vuole spostarla su un altro terreno dovendo ovviamente riprogettare l’opera.
I giornalisti Ernesto Milanesi e Sebastiano Canetta hanno raccontato la storia della finanza di progetto in Italia, dall’ospadale di Mestre raccontato dalla Gabanelli nella trasmissione di REPORT all’inchiesta denominata “Giano Bifronte” che ha coinvolto anche la Piana Rotaliana.
Conoscere non costa nulla ma rende liberi e coscienti.
Nella grave crisi occupazionale della valle dell’Adige bisogna conoscere la finanza di progetto per evitare che ulteriori inutili costi per la realizzazione di opere pubbliche siano pagati anche dai nostri figli.
Rifondazione Comunista in continuità con la scelta di denuciare le politiche speculative provinciali offre ai cittadini della Piana Rotaliana la possibilità di ascoltare una voce diversa e dibattere con i giornalisti autori del libro:
“COSA LORO:I SERENISSIMI DELLA COMPAGNIA DELLE OPERE”.

L’appuntamento è per Mercoledì 23 ottobre 2013 alle ore 20,30 presso la sala Dallabrida a Mezzolombardo
Lista di Rifondazione Comunista alle provinciali

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *