Serve una nuova RESISTENZA

tyssen25 aprile 2014, i sette operai della Thyssen uccisi una seconda volta. C’è bisogno di una nuova resistenza!
Fa ribollire il sangue la sentenza della Cassazione a sezioni riunite che annulla la condanna per omicidio volontario per la strage alla Thyssen Krupp di Torino.
Il 7 dicembre 2007 sette operai morirono bruciati vivi, Antonio Schiavone, 36 anni morto la notte stessa, Bruno Santino 26 anni, Angelo Laurino, 43 anni, morto il giorno dopo come Roberto Scola, 32 anni. Rocco Marzo 54 anni deceduto dopo 10 giorni .Rosario Rodinò, 26 anni, morto dopo 13 giorni con ustioni sul 95 per cento del corpo e Giuseppe Demasi di 26 anni, morto il 30 dicembre dopo un calvario di 4 interventi chirurgici, una tracheotomia, tre rimozioni di cute con innesti.
Nelle ore subito dopo l’incedente della Thyssen, un compagno di lavoro raccontò che ”sembravano torce umane”.
L’istruttoria condotta dal PM Guariniello verificò l’inadeguatezza dei sistemi di prevenzione che non erano aggiornati perchè, essendo la fabbrica in fase di chiusura, per la dirigenza della Thyssen non c’era nessuna ragione “economica” per adeguarli. Dagli altoforni della Thyssen usciva ancora acciaio buono per i mercati, ma non c’erano ragioni per mettere in sicurezza le vite degli operai.
Secondo quanto verificato dall’istruttoria e dai racconti degli operai, c’erano già stati nel corso degli anni incidenti ed incendi, questi ultimi spenti grazie all’intervento e all’esperienza delle maestranze.
Il Procuratore Generale della Repubblica il Signor Carlo Destro, ha dato un’interpretazione agghiacciante : “i manager ed i dirigenti chiamati a vario titolo a rispondere della morte dei sette operai facevano affidamento sulla capacità dei lavoratori di bloccare gli incendi che quasi quotidianamente si verificavano: chi agisce nella speranza di evitare un evento evidentemente, se l’evento si verifica, non può averlo voluto”.
La salvaguardia delle vite dei lavoratori stando al Signor Corso, laddove non c’è il rispetto del già permissivo DL 81 sulla sicurezza, viene affidata al caso e alla capacità di mettersi in salvo degli operai.
Se estendiamo il pensiero del signor Corso e della sentenza della Corte di Cassazione all’edilizia, alle piccole imprese, capiamo che questa sentenza non solo salva la dirigenza Thyssen Krupp, ma crea un precedente pericoloso. Nella giurisprudenza del lavoro i precedenti fanno testo, scambiare la scelta nel non applicare le giuste norme di sicurezza con una vaga scelleratezza incolpevole è un atto criminale nei confronti di tutti lavoratori. Non solo, se mettiamo questa sentenza in relazione ai disastri ambientali, le dirigenze come quelle dell’ILVA di Taranto e tante altre si vedono offrire una via di fuga.
Questa sentenza cade nella ricorrenza del 25 aprile e le istituzioni la ricorderanno in maniera rituale e distante dalla realtà.
Al contrario questo giudizio ci dice che siamo di fronte ad uno Stato che conosce la legge ma non la giustizia , che difende gli industriali e condanna i lavoratori allo sfruttamento: sta a noi costruire una nuova stagione di resistenza.

Dal sito Nazionale di UBS

Un commento

  • Luciano Lorandi

    Se non sapessimo di essere in italia si griderebbe allo scandalo ma nel nostro paese sembra la NORMALITA’,cioè sembra normale che lo stesso giorno della Liberazione,si consumi,al contempo,una delle più INFAMI delle sentenze!!!SETTE persone SETTE sono MORTE e nessuno per questo ha colpe???O meglio ce le ha,ma non pagherà niente!!!!E mai come in questa occasione si può effettivamente dire che sono stati “ASSASSINATI” due volte!!!!Di certo sono stati presi in giro,come mi sento io preso in giro quando leggo sui giornali che,con l’imminente arrivo del !°Maggio”,i sindacati confederali,in particolare la UIL,che “denunciano” situazioni al limite del ricatto,del “caporalato” e di “pressioni” di ogni tipo che i “padroni” del commercio farebbero sui loro dipendenti per “obbligarli” a lavorare nelle “festività”!!!Mi viene da dire EVVIVA se ne sono accorti anche loro!!!Ma poi mi viene in mente come hanno portato avanti le assemblee che dovevano “scaturire” le proposte per il rinnovo del Ccnl del terziario e cooperazione,dove ,nonostante NON tutti fossero d’accordo hanno fatto passare la proposta di “accettare” il 30% delle “domeniche”,perchè la crisi,perchè bisogna dare per ricevere,perchè bla bla bla!!!!Ma nessuno aveva ipotizzato che se oggi gli concedi un dito domani ti chiedono il braccio????
    IO L’AVEVO DETTO!!!E per questo sono stato “trattato”come uno che “voleva la luna”,come un “disfattista”,come uno che “non aveva capito il momento”!!!!
    Ora che i “buoi sono scappati URLANO di chiudere la stalla”????Forse ci dovevano pensare prima,eppure i più erano,sono,dei “gran sindacalisti”(?),ma non hanno esitato un attimo nel “concertare”!!! ed ora “gridano allo scandalo”????Bisogno di visibilità o vero ripensamento????
    Ora se si vuole affrontare la questione Domeniche e Festività che nonostante si vogliano differenziare sono figlie della stessa logica e per cui vanno trattate allo stesso modo,bisogna cominciare a pensare ai “bisogni” e non alle “fette di mercato”perchè il mercato si può “educare”e anzi aggiungo,che proprio attraverso un ripensamento delle “logiche di mercato”si possono trovate nuove e stimolanti vie di sviluppo!!!
    Faccio un esempio,in provincia non c’è un “supermercato” a “KM ZERO” cioè un supermercato che vende solo prodotti,coltivati o lavorati in Trentino,oppure un supermercato interamente “BIO”,e si potrebbe continuare,quello che secondo mè non è più possibile accettare è “FARSI PRENDERE PER IL C…!!!
    luciano lorandi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.