Val di Susa: la vendetta e’ servita!

NOTAV1Quasi 150 anni di carcere agli attivisti NO TAV oltre a consistenti pene pecuniarie: è questa la risposta del potere ad un’intera comunità, quella della Val Susa che in questi anni si è battuta e continua a battersi contro un ‘opera costosissima, la linea ad alta velocità, che non ha alcuna utilità né sociale né economica, che devasta l’ambiente, ma in compenso regala fior di miliardi ai soliti noti, i padroni del cemento equamente distribuiti tra confindustria e mondo cooperativo.

E mentre sul versante francese Parigi ha deciso di sospendere l’opera rimandando ogni decisione al 2030, tutti i nostri governi hanno deciso di andare avanti a tutti i costi, con l’assurdità che il tunnel, una volta costruito, si fermerebbe al confine con la Francia!

Inutile soffermarsi ancora sulla mostruosità di tali scelte; in questi anni gli attivisti No TAV l’hanno ben dimostrata riuscendo a costruire intorno alla lotta di un’intera valle solidarietà attiva, ma anche relazioni con tante altre mobilitazioni di difesa del territorio che in questi anni hanno attraversato il nostro Paese.

E forse sta proprio qui il senso di queste condanne: un monito, oltre che una sete di vendetta, rivolto a chi ancora non vuole sottostare alla logica del profitto a scapito della salute, dell’ambiente, a chi ancora si ostina a lottare per l’affermazione dei diritti per tutte e tutti.

Agli attivisti, a tutto il popolo della Val di Susa, va il senso più profondo della nostra solidarietà attiva.

Unione Sindacale di Base

Un commento

  • antonio

    Ci provano ovunque si lotta: dalla valle di Susa, dove la lotta ha ormai travalicato i confini delle “patriegalere” e la resistenza è diventata il pane quotidiano croccante dei valligiani, a Trento con la distruzione dell’ex centro Sociale e la parcella da pagare. Poveretti non sanno che la forza della ragione e dei bisogni è più forte della loro stupidità. Credono di fermarci con il carcere e le ammende, di impaurirci con la brutalità del loro apparato repressivo…ma non sanno che la resistenza l’abbiamo mutuata dalla storia partigiana e operaia di anni e anni di lotte per la libertà e per il diritto alla dignità di uomini. Libertà si deve!
    antonio

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.