Piccola analisi elettorale

Fenomeno Lega… me pare “na strunziata!”

So che non vuol dire nulla, ma io non mi fossilizzerei tanto sulle percentuali che i giornaletti pornopolitici stanno divulgando a pieno regime (perchè di questo si tratta) in merito alle Europee. Io credo che il consenso ai partiti pro TAV e pro A31 dovrebbe essere letto con una chiave logica, analitica e non in maniera distorta e propagandistica come fanno i media. Per alcuni dirò ovvietà probabilmente.

Esempio: 

Va considerato che in Trentino (PAT) vi erano per le Europee 2019  453699 aventi diritto e che solo 260103 (57,33%) si sono recati alle urne, la percentuale indicata dai media della Lega Nord al 37.74% è assolutamente surreale per 95182 preferenze. Di fatto se facessimo la proporzione tra aventi diritto e preferenze elettorali, otterremmo una percentuale del 21%. 
Il dato che i media annunciano del boom leghista è un falso clamoroso, indipendentemente dalle percentuali di chi ha votato, dato che la Lega per le Provinciali ha stretto alleanze con altri partiti locali, bacino delle tre destre nazionali Lega, FI e FdI. 
Alle Provinciali in supporto alla Lega si sono presentati
AGIRE -> 5458   Autonomisti Popolari -> 7627   Civica Trentina -> 11769   Fassa -> 2490   Forza Italia -> 7204  Fugatti Fratelli d’Iatlia -> 3687  Lega Nord -> 69117  PT -> 8251  UDC -> 5315
per un TOTALE DI 120918 voti di preferenza 28% aventi diritto al voto trentini.
Ora per aver una dato di confronto non perfetto ma più verosimile a quello Leghista puro dal totale delle Provinciali vanno levati i voti europei degli ex alleati Forza Italia (13362) e Fratelli d’Iatalia (12729) ottenendo una preferenza di 94827 voti. Questa sottrazione in sostanza scorpora la possibile oscillazione dell’elettorato leghista dalle Provinciali ad oggi, rendendoci un elemento di confronto più genuino.
Detto ciò ne può dedurre che 
se gli aventi diritto al voto 2018 erano 429378 la Lega allora aveva un 22,08% di consenso
se gli aventi diritto al voto 2019 erano 453699 la Lega  ha ottenuto il 21% di consenso
1,08% meno rispetto l’anno precedente.
Mi viene da dire quindi
MA QUALE BOOM? MA QUALE RAPPRESENTANZA? Retrocessione.
Per quanto riguarda il PD c’è poco da dire… basti pensare che in 5 anni ha già perso 5 milioni di consensi a livello nazionale.
Questa mia deduzione è ampiamente applicabile pure nei Comuni interessati dal progetto A31.
Ad esempio a Terragnolo il consenso elettorale leghista è del 19%
Trambileno 306 voti su 1224 = 25% vs il 42,56% sbandierato dalla stampa
Vallarsa 265 voti su 1490 = 17,78% vs il 39,91% sbandierato dalla stampa  ( tra l’altro ha votato solo 45,84% degli aventi diritto)
Terragnolo 131 voti su 686 = 19,09% il 34,03% sbandierato dalla stampa
Pertanto, se il ragionamento è logico, considerare le elezioni quale sistema di dissuasione della lotte mi sembra proprio “na strunziata!”
Federico Menegazzi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.