MARTINELLI TRASPORTI: LA LOTTA CONTINUA!

Dopo l’inizio dello sciopero di ieri ed il presidio davanti ai cancelli della ditta di Ala (TN), stamattina una sessantina di lavoratori, per lo più autisti, della MARTINELLI TRASPORTI si sono radunati in Piazza Dante a Trento per “smuovere” il potere esecutivo della P.A.T., oggi troppo impegnato in campagna elettorale.
Sotto le bandiere del SINDACATO di BASE MULTICATEGORIALE di Trento e della CONFEDERAZIONE COBAS di Rovereto (TN) hanno presidiato l’esterno del palazzo mentre una delegazione veniva ricevuta dalla segreteria di presidenza del governatore ALBERTO PACHER.
Al termine del colloquio, è stato ottenuto un incontro fra l’assessore provinciale all’industria ALESSANDRO OLIVI ed i lavoratori della MARTINELLI TRASPORTI per domani alle ore 9:00 nella sede legale della società alense.
I lavoratori, però, ovviamente non soddisfatti della sola promessa di incontro, hanno colto l’occasione della visita del generale di corpo d’armata SAVERIO CAPOLUPO, oggi in visita ufficiale al comando Regionale Guardia di Finanza del Trentino – Alto Adige. Pertanto bandiere in mano ed uno striscione preparato al momento, si sono portati davanti alla caserma di via Romagnosi in crocio via Vannetti, inizialmente generando timori fra le forze di polizia presenti, allertate per paura di disordini alla presenza dell’ufficiale generale.
In realtà è emerso subito che l’intenzione dei lavoratori era solo quella di chiedere l’intervento della Guardia di Finanza per provvedere ai necessari controlli sull’operato della MARTINELLI TRASPORTI di ALA, non certo di disturbare la cerimonia delle fiamme gialle. Lo striscione aperto dai lavoratori non lasciava dubbi sui motivi dell’improvvisata protesta: “GENERALE, QUANDO ARRESTATE MARTINELLI?”. Molta solidarietà fra i componenti delle forze di polizia nei confronti di lavoratori senza stipendio da tre mesi ed oramai ridotti alla fame. L’interessamento degli ufficiali delle fiamme gialle è stato immediato. Con i manifestanti hanno parlato due colonnelli ed un capitano che hanno formalizzato la loro solidarietà e quella del generale presente alla cerimonia nei loro riguardi, con l’impegno di fare ogni possibile atto consentito dalla legge per ripristinare la legalità perduta.
Applausi all’uscita dal comando di via Romagnosi del generale di corpo d’armata SAVERIO CAPOLUPO che ha salutato i lavoratori in lotta.
Con i lavoratori si sono confrontati, seppur in modo veloce per la concitazione del momento, anche il presidente della giunta provinciale ALBERTO PACHER nonché il presidente del consiglio provinciale BRUNO DORIGATTI che hanno assicurato anche loro ogni possibile atto, affinché la situazione degli stipendi fermi si sblocchi al più presto.
Fin qui le parole. Ora i lavoratori aspettano i fatti, perché gli alimenti, i canoni d’affitto, le bollette, i mutui non attendono!
Se domani non uscirà nulla dall’incontro con l’assessore ALESSANDRO OLIVI, oppure le promesse non saranno mantenute, la lotta continuerà.
Venerdì 18 ottobre 2013, in occasione dello sciopero generale nazionale organizzato dal sindacalismo di base ed autorganizzato per tutte le categorie pubbliche e private (SBM, USB, CONFCOBAS, CUB, USI, USI-AIT, CIB-UNICOBAS, S.I.COBAS), il SINDACATO di BASE MULTICATEGORIALE ha organizzato un corteo per la città di Trento che partirà alle ore 9:00 dagli uffici della Motorizzazione e si concluderà davanti al Palazzo della Provincia in Piazza Dante 15.
Alla manifestazione hanno dato il loro appoggio e la partecipazione diretta i lavoratori della MARTINELLI TRASPORTI.

142 Visite totali, 1 visite odierne

Un commento

  • Giovanni

    A portare solidarietà attiva ai lavoratori della Martinelli era presente, per scelta e non per caso, anche Ezio Casagranda. A lui la nostra fiducia.
    Giovanni

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *