Marchionne il “macellaio” dei diritti

Marchionne1Domenica 1° giugno 2014 Sergio Marchionne, Amministratore Delegato del gruppo FIAT da un decennio, sarà al festival dell’economia di Trento (Teatro Sociale ore 12:30).
Il “macellaio” dei diritti e della vita dei lavoratori verrà a spiegare i suoi metodi di sfruttamento della forza lavoro, a bassissimo costo. Spiegherà come si debba lavorare efficacemente insieme ai sindacati confederali, come perseguitano nelle fabbriche le organizzazioni di difesa dei lavoratori e come si chiudano nei reparti confino i loro combattivi rappresentanti, come si licenziano gli operai e come questi non vadano reintegrati al lavoro anche in presenza di decisioni della magistratura a loro favorevoli. Sistemi che questa “sanguisuga” illustrerà alla rassegna, davanti ad una platea di “rampolli” della locale imprenditoria, di politici locali arricchitisi con i vitalizi, di giovani studenti ignari del diritto sindacale. Basterebbe espellerlo ricordando la denuncia presentata nel 2006 dal sindacato svizzero nei suoi confronti, per aver illegalmente assunto nella sua residenza elvetica alcuni giardinieri italiani, pagandoli un terzo del salario minimo di legge.
L’aguzzino italo-canadese, presentato come il salvatore della FIAT, è in realtà un super pagato manager, ben rappresentativo di un industria parassitaria foraggiata ed ingrassata nel corso degli anni dai contributi e dai finanziamenti pubblici, noto per aver lavorato ad affossare il conflitto sociale a scapito della forza lavoro, comprimendone i diritti insieme ai sindacati confederali per dividerne le lotte e sfruttarla senza ricevere opposizione. Va ricordato come questo “illustre” finanziere abbia presentato, alla guida della FIAT, almeno 8 piani industriali rivelatisi poi tutti fasulli. Il più famoso, “FABBRICA ITALIA” del 2010, aveva previsto una vendita di 2,15 milioni di auto FIAT per quest’anno, ma è miseramente fallito con le vendite che non hanno superato lo 0,93! False promesse di un prestigiatore, che in pochi anni ha chiuso stabilimenti, licenziato e cassintegrato migliaia di operai, cancellato ogni diritto, perfino determinando ripetuti crolli di borsa e di vendite. E’ un cialtrone spacciato per grande manager da giornalai di regime, dai sindacati prezzolati e dai politici vi(tali)ziati, che guadagna quasi 6 milioni di euro l’anno per “sparare” sciocchezze nei salotti televisivi, spostando la sede fiscale del gruppo torinese all’estero, di fatto trasferendo al governo inglese le tasse e delegando quello italiano a pagare cassa integrazione, contratti di solidarietà, indennità di mobilità.
Né a Trento, né altrove dobbiamo dare cittadinanza e diritto di parola a questo “signore” che, dopo aver cancellato diritti, salario e dignità dei lavoratori, ha svenduto la FIAT all’estero, importando precarietà e miseria.
CACCIAMOLO!!!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.