#trentoinpiena verso l’acampada dell’8 aprile

MuseVitaliziContinua la lotta contro vitalizi, privilegi e prebende varie della politica affarista della provincia autonoma di Trento.
In preparazione delle prossime iniziative in piazza per rivendicare diritti, reddito e dignità una ventina di attivisti di Asc, del Centro Sociale Bruno e dei sindacati di base (Sbm e Usb) hanno fatto un blitz al MuSe, il museo delle scienze inaugurato lo scorso luglio. Gli attivisti sono riusciti ad arrivare sul tetto, dove hanno acceso fumogeni e calato lo striscione “#trentoinpiena #novitalizi #noprivilegi casa e reddito per tutt*”.
L’iniziativa si inserisce all’interno della campagna di primavera denominata #trentoinpiena, nata per denunciare lo scandalo dei vitalizi e dei privilegi dei politici trentini, che lo scorso 22 marzo ha portato in piazza oltre 500 persone.
Il prossimo 8 aprile #trentoinpiena tornerà sotto i palazzi della provincia e regione con un’assemblea pubblica ed un’acampada ed il 12 aprile sarà a Roma alla manifestazione nazionale contro le politiche dell’austerità e precarietà.
Oggi è stato scelto il nuovo museo perché il complesso “le Albere”, al quale appartiene, rappresenta uno dei più grossi sprechi di denaro pubblico e di speculazione edilizia dell’intera provincia trentina, con la costruzione di appartamenti di lusso attualmente disabitati per l’enorme costo che hanno.
Come attivisti che praticano lotte sociali che rivendicano ogni giorno il diritto all’abitare ed al reddito, come lavoratori che difendono il diritto e la dignità nel lavoro, come studenti che rivendicano il diritto allo studio non possiamo accettare uno spreco simile, soprattutto in un momento come questo, in cui i licenziamenti sono all’ordine del giorno, i giovani sono costretti alla disoccupazione o soggetti a lavori precari e sottopagati, intere famiglie vengono sfrattate o non hanno un posto dove dormire mentre migliaia di appartamenti vengono tenuti – volutamente – sfitti per mantenere alta la rendita speculativa.
Per questa ragione martedì 8 aprile saremo nuovamente in piazza contro i vitalizi, contro gli aumenti dei canoni Itea, dei servizi, della scuola e della sanità, per rivendicare una nuova politica sociale e un nuovo welfare gratuito ed universale.
Inoltre sabato 12 aprile scenderemo tutt* a Roma alla manifestazione contro la precarietà e l’austerity.

Un commento

  • Luciano Lorandi

    Qualche anno fa si sarebbe detto:IL RE E’ NUDO!!!!
    Sembra quasi una “barzelletta”,solo poche settimane fa aveva luogo a Trento,addirittura nel Consiglio Provinciale del Trentino veniva messa “in onda” la più “grande ed ecclatante” protesta pubblica mai avvenuta in Trentino in tutta la sua storia!!!
    DENTRO AL PALAZZO!!!Decine di persone facevano “visita” al cons.prov. e gli gridava in faccia “ladri””vergogna”,”ridateci il maltolto”.”casa e reddito per tutti”,parole chiare che esprimevano tutto il “disagio” che stanno subendo tutte quelle persone che non hanno “privilegi” tali da non sentire la “crisi”!!!!
    In quei giorni eravamo tutti “delinquenti”,il pres. Dorigatti voleva “farcela pagare” per “l’affronto”!!!
    NOI NON AVEVAMO IL DIRITTO DI FARE QUELLO CHE ABBIAMO FATTO,ALLA LUCE DEL SOLE;METTENDOCI LA FACCIA!!!!
    Ora sta succedendo che sono “operazioni” sotto la lente degli inquirenti!!!NON LE NOSTRE PERO’!!!
    Ma bensi chi ha ideato e progettato il “sistema vitalizi”????Tappainer “pensatore” di Pensplan si è dimesso???E gli altri,secondo me,”tengono le dita incrociate”!!!!
    “trentoinpiena” non si ferma,non si può fermare,è come pretendere di fermare le stagioni!!!
    L’avavamo anche detto che alla “maledetta primavera” sarebbe seguita la “primavera del cambiamento”!!!!
    Per questo motivo e non solo:CI VEDIAMO LUNEDI’!!!!

Rispondi a Luciano Lorandi Annulla risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.