MetaSalute: No grazie.

Gli ultimi rinnovi contrattuali, quelli precedenti all’attuale, prevedevano l’aumento della paga base. Quindi, dai 1592 euro lordi (per un quinto livello metalmeccanico) del 1° gennaio del 2011 si andava ai 1679 euro a partire dal 1° gennaio 2013 per concludere con i 1774 euro di fine contratto nel 2015 l’ultimo grosso aumento salariale. Una differenza 2011-2015 di 182 euro al […]

Continua a leggere

Electtrolux attacca il diritto di sciopero

L’Electrolux attacca l’Otto Marzo e il diritto di sciopero Respingiamo questa gravissima provocazione I lavoratori e le lavoratrici scioperano e il padrone li ricambia con dei provvedimenti disciplinari, sembra una notizia di altri tempi, invece è di questi giorni. All’Electrolux di Solaro l’azienda ha contestato a 26 lavoratrici e lavoratori l’adesione allo sciopero dell’8 marzo promosso dal movimento internazionale Non […]

Continua a leggere

Fim fiom uilm firmano la fine del contratto nazionale

È destinato ad aprire una nuova era nelle relazioni industriali del nostro paese l’accordo per il rinnovo del contratto dei metalmeccanici sottoscritto sabato 26 novembre da fim fiom uilm e federmeccanica. Non casualmente una settimana prima del referendum costituzionale. È sufficiente scorrere gli elogi sperticati che giungono da imprese, governo e da Sacconi per comprendere quale segno abbia l’innovazione introdotta. […]

Continua a leggere

Non serve un sindacato arrendevole

Chi si illudeva che facendosi carico delle compatibilità avrebbe permesso una maggiore tutela dei lavoratori è servito. I padroni di Federmeccanica in 7 pagine hanno messo nero su bianco quali dovranno essere i principi fondanti del nuovo modello contrattuale. Salario solo come variabile dipendente dagli andamenti aziendali e contrattato a livello di azienda spezzando così la solidarietà e l’universalità del […]

Continua a leggere

Fiom espulsa, salari in calo, morti sul lavoro in crescita

Federmeccanica, con un lettera datata 13 dicembre revoca alla Fiom i fondamentali diritti e agibilità sindacali. Il più grande sindacato metalmeccanico sarà escluso dai tavoli negoziali, non potrà convocare assemblee retribuite, affiggere comunicati nelle bacheche sindacali, riscuotere i contributi delle deleghe sottoscritte dai propri associati. Ieri Finmeccanica, proprietà al 100% del Governo, sottoscrive un accordo separato con Fim e Uilm […]

Continua a leggere