Metalmeccanici: Chi tace acconsente.

Dopo un contratto che elargisce elemosine per i lavoratori fimfiomuilm con la complicità delle aziende, attraverso il meccanismo del silenzio assenso, prelevano dalla busta paga dei lavoratori non iscritti alle loro organizzazioni la somma di 35 euro netti.
Dopo il danno la beffa.
Infatti Con la retribuzione del mese di Aprile le aziende consegneranno ai lavoratori metalmeccanici un modulo che dovrà essere riportato in direzione per poter rifiutare la trattenuta di 35 euro a favore delle casse di fimfiomuilm quale quota servizio per il contratto firmato lo scorso 26 novembre 2016.
Se il lavoratore, non iscritto al sindacato, non dovesse compilare e consegnare all’azienda questo modulo, si ritroverà in busta paga la trattenuta di 35 euro.
Il meccanismo del silenzio assenso è un vero e proprio inganno, costruito al solo scopo di raccogliere più soldi dalle tasche dei lavoratori, anche sfruttando la poca informazione.
fimfiomuilm non possono sperare nel contributo volontario dei lavoratori!
C’è una ragione in più per cui le segreterie di fimfiomuilm utilizzano il silenzio assenso. Il contratto nazionale firmato il 26 novembre 2016 è, di certo, il peggiore della lunga storia sindacale dei metalmeccanici.
Nel triennio non sono previsti aumenti salariali ma solo recuperi molto parziali del potere d’acquisto con l’unica certezza con questo CCNL ogni anno i lavoratori saranno più poveri dell’anno precedente.
A giugno del 2017 è previsto un aumento dei minimi salariali che va dai 6 agli 8 euro mensili lordi al V° livello… Quindi fimfiomuilm con la quota contratto, chiedono di versare loro circa oltre 6 mesi di aumenti contrattuali !!!
A peggiorare il quadro di questo contratto ci sta anche una normativa che esclude aumenti salariali a ogni livello, consegna alle imprese orari e diritti su legge 104 e congedo parentale, in cambio di un ritorno al pagamento in natura con i buoni spesa.
Il cosiddetto welfare aziendale che dietro il paravento della “non tassazione” scarica i costi sui lavoratori i quali si troveranno a pagare due volte per lo stesso servizio ( magari più scadente di quello attuale).
Un sindacato che avesse davvero conquistato condizioni migliorative per i lavoratori non avrebbe nessun problema a chiedere un contributo straordinario volontario!
Crediamo giusto che i lavoratori e le lavoratrici rifiutino di consegnare parte rilevante del proprio salario a organizzazioni sindacali che hanno scambiato diritti e salario dei lavoratori per l’interesse del proprio sindacato.
Un interesse che si chiama “quota contratto”, “fondi pensioni”, “sanifonds”, “welfare aziendale”, “enti bilaterali” e commissioni varie dove il collaborazionismo sindacale si fa concreto con il compito di valutare come e quanto derogare dalle norme contrattuali a livello aziendale e locale, ed imporre sanzioni (vedi diritto di sciopero) contro i trasgressori.
Con questo contratto fimfiomuilm hanno definitivamente cessato di svolgere il ruolo di tutela dei lavoratori, lasciando i propri iscritti ed i lavoratori nelle mani delle controparti senza più garanzie e tutele contrattuali nazionali.
In sintesi, un Contratto Nazionale che prevede pochi soldi ed incerti ai lavoratori, ma quote contratto alte e garantite alle casse di fimfiomuilm.
NON UN CENTESIMO A CHI HA PEGGIORATO LE TUE CONDIZIONI DI LAVORO E DI VITA!!!
RICORDA: SE NON DICI NO, PERDERAI 35 EURO!!!
USB Lavoro Privato – Trentino

Scarica il modulo per la revoca della quota contratto

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.