Omicidio stradale: Pubblica assemblea di USB

Quando:
20 Maggio 2016@18:30–22:00
2016-05-20T18:30:00+02:00
2016-05-20T22:00:00+02:00
Costo:
Gratuito
Omicidio stradale: Pubblica assemblea di USB

OMICIDIO STRADALE: COSA CAMBIA? PER CAPIRE CIO’ USB ORGANIZZA UN’ASSEMBLEA PUBBLICA

Con il varo della legge n. 41 del 23 marzo 2016, entrata in vigore il 25 marzo 2016, la quale ha introdotto nel codice penale i reati di “omicidio stradale e lesioni personali stradali” si moltiplicano le preoccupazioni in particolare di chi la patente la utilizza non per le scampagnate domenicali, ma quotidianamente per lavorare.
La legge infatti oltre al sanzionare, giustamente, chi guida sotto l’effetto di sostanze stupefacenti o alcoliche, ha al suo interno delle norme (che noi riteniamo ingiuste) che colpiscono il lavoratore anche in caso di incidente in condizioni psicofisiche normali (tasso alcolico zero), e quindi penalizzanti per chi è in possesso di titoli abilitativi professionali per la conduzione di mezzi pesanti di trasporto quali autobus e camion.
In questi mesi, ove in varie parti di Italia si è iniziato ad applicare tale norma, si possono sentire varie proposte da parte delle Organizzazioni Sindacali, le quali anziché chiedere la modifica di tale norma ripiegano su forme assicurative, mirate alla “tutela” dei lavoratori del settore.
Ma le assicurazioni in genere rispondo unicamente per quanto concernente i provvedimenti civili, mentre in questo caso si parla di una norma del codice penale, e che quindi va ad incidere direttamente sul singolo.
Come USB Trasporti del Trentino Alto Adige, abbiamo organizzato un’assemblea pubblica proprio su questo tema, a cui interverrà quale relatore l’Avvocato Nicola Cantestrini.
Obbiettivo della serata, che si terrà:

venerdì 20 maggio 2016 alle ore 18.30

presso la sala Civica le Fucine,

sita in via Leonardo Da Vinci n. 5 a Rovereto,

sarà quello di fare chiarezza nel merito di questa norma e capire quali contromisure si possano attivare in tal senso.

USB TRASPORTI DEL TRENTINO ALTO ADIGE

Un commento

  • paolo

    Sono artigiano. Per un piede calpestato con l’auto, rischio revoca della patente per 5 anni e reclusione.
    Ovviamente da sobrio.
    Urge modifica alla Legge, direi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.