L’EXPO fa male- Assemblea pubblica

Quando:
27 Gennaio 2015@20:00–23:00
2015-01-27T20:00:00+01:00
2015-01-27T23:00:00+01:00
Dove:
TRENTO
Lungadige San Nicolò
Trento
Italia
L'EXPO fa male- Assemblea pubblica @ TRENTO | Trento | Trentino-Alto Adige | Italia

Expo è cemento: oltre 1700 ettari di terreni agricoli cementificati fra Expo e opere connesse
Expo è precarietà: con la scusa dell’evento è stata ampliata la possibilità di usare contratti precari in Lombardia fino ad aprile del 2016, in accordo con Cgil-Cisl-Uil (protocollo sindacale d’intesa per Expo2015). Aveva promesso 70 mila posti di lavoro ma ad ora si parla di non più di 5.000 persone assunte temporaneamente. In compenso sono stati reclutati oltre 18.000 volontari che lavoreranno gratis (per una SPA, non per un’associazione di volontariato!) con la sola ricompensa di vedersi aggiunta una riga sul loro curriculum.
Expo è debito per le generazioni future: un evento che costerà 1,3 miliardi di euro che arriveranno a 10 miliardi con le nuove autostrade e opere collegate. Soldi pubblici sottratti a tutti noi per un’operazione in cui a guadagnarci saranno i privati, senza contare tutti i soldi bruciati in tangenti. Finora sono state arrestate una ventina di persone per corruzione e appalti truccati.
Expo è sospensione della democrazia: è evidente la necessità organizzativa del grande evento di operare in un contesto straordinario, in cui l’amministrazione ordinaria è limitata e gli strumenti democratici sospesi. Lo stato d’eccezione imposto dal commissariamento è diventato così un modus operandi che ha reso Expo2015 il dispositivo più insidioso lasciato in eredità all’intero Paese e codificato con l’introduzione del decreto SbloccaItalia.
La nostra scelta, invece, presa in continuità con il lavoro e le idee che siamo portando avanti da anni, è quella di aderire alla Giornata Nazionale di Mobilitazione Contro EXPO indetta da Genuino Clandestino* con la rete Attitudine No Expo, invitando tutta la cittadinanza a partecipare ad un momento di assemblea pubblica martedì 27 gennaio, ad ore 20.00, presso il Centro Sociale Bruno (via Lung’Adige San Nicolò 4, Trento), con l’obiettivo di aprire una spazio di dibattito sulle tematiche legate all’Expo, per capire, approfondire e ragionare su una risposta e un percorso territoriale, basato sulle nostre specificità, di opposizione radicale al modello che propone EXPO.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.