Vitalizi e condoni in Trentino

vitalizi4La stampa locale nei gironi scorsi ha riportato due notizie che, per quanti si battono per l’equità, la solidarietà e l’uguaglianza sociale, rappresentano uno schiaffo morale.
La prima riguarda i vitalizi: Gia da tempo il consiglio regionale aveva inserito la retromarcia rispetto allo scandalo vitalizi, oggi ha ulteriormente accelerato sulla strada di una legge che soddisfi tutti, vecchi e nuovi consiglieri e percettori di vitalizi.
Per quanti sono attenti ai numeri e non si lasciano incantare dalle sirene che escono dai vari portaborse sicuramente non è sfuggito il fatto che un taglio del 40/50% lascerebbe comunque nelle tasche di tanti consiglieri un vitalizio superiore al mezzo milione di euro per aver fatto pochi anni da consigliere.
Uno scandalo che grida vergogna rispetto a tanti lavoratori (ingeneri, dirigenti ecc) che una simile liquidazione se la sognano anche dopo 40 anni di lavoro. Questa proposta è e rimane uno schiaffo ai cittadini onesti e a tutti quelli che pagano le tasse. Una scelta che con arroganza vuole stabilire che i politici erano, sono e vogliono rimanere una CASTA, un gruppo che vuole mantenere i privilegi. Basti pensare alla disputa sulla pensione a 66 anni o a 60 con penalizzazioni irrisorie.
Mi chiedo per quale motivo il trattamento pensionistico dovrebbe essere migliore rispetto al resto dei cittadini che lavorano? Che fare il politico a 9800 euro al mese sia l’unico lavoro usurante? Visto che muratori, cavatori, che lavora in fonderia, nelle case di riposo deve andare in pensione a 67 anni o dopo oltre 42 anni di contributi interamente versati.
La seconda notizia riguarda la proposta di condono avanzata dal senatore Panizza è a dir poco scandalosa.
Che frequentare troppo i palazzi romani faccia male per un autonomista è cosa risaputa ma sicuramente sentire parlare di ulteriori condoni fiscali quando i dati ufficiali registrano un’evasione fiscale pari a 160 miliardi, un’evasione contributiva che ammonta a 260 miliardi e un costo della corruzione pubblica di 60 miliardi, non solo è una proposta eticamente immorale e politicamente inaccettabile ma anche uno schiaffo a tutte quelle imprese e a quei lavoratori autonomi e liberi professionisti che la tasse, tra le più elevate d’Europa, le pagano regolarmente.
Ancora una volta anziché mettere in campo norme ed iniziative volte a recuperare tali risorse che potrebbero servire a rilanciare investimenti pubblici sulla casa, sul territorio, per finanziare nuove imprese, sostenere i giovani, istituire il reddito di cittadinanza, rendere il welfare veramente pubblico gratuito e universale.
Ancora una volta la politica anziché produrre nuove idee e proposte per premiare i cittadini e le aziende virtuose si vuole favorire i soliti furbetti ed evasori e per nascondere questa verità si propone la provincializzazione dell’agenzia delle entrate possibile foriera di scambi politici fra politica e poteri forti su un tema delicato come quello del fisco e senza specificare quali conseguenze avrebbe sulle condizioni dei lavoratori.
Caro Panizza non si esce dalla crisi se non s’interviene sui redditi, rinnovando i contratti di lavoro scaduti, e sull’occupazione, con nuovi posti di lavoro nei settori portanti come sanità e istruzione, investendo nella messa in sicurezza del territorio e nella valorizzazione del patrimonio artistico e culturale del Paese.
USB Trentino – Lavoro Privato

Un commento

  • antonio

    Con mio rammarico leggo oggi sui “locali” che la “casta” dei più fetenti si è trovata ieri all’hotel Heverest per ricorrere contro quella trovata (di cui l’articolo parla) che metterebbe daccordo tutti : vecchi e nuovi volponi della combricola trentina e altoatesina.
    Peccato non averlo saputo, peccato…perchè ci sono pure passato e vedendo uno di loro (Grigolli) ho commentato : ecco uno di “quei fetentoni”.
    Peccato davvero…perchè sarebbe stato bello presentarsi in tanti e chiedere il conto.
    Intanto prosegue imperterrito l’impegno dei “pochi” (Angelina e Aldo più di tutti) davanti la Regione (mercoledì e giovedì praticamente tutto il giorno)con buone ripercussioni sul passante e qualche tafferuglio tra i Consiglieri. Ma quello che all’inizio era un buon gruppo ora non lo è più e questo indebolisce la lotta e ridicolizza la sua rappresentanza. Essere in pochi comunque non impedisce di dare ulteriore prova della nostra audacia politica; diversamente lasciando che il tempo passi a loro favore, tra i “vecchi” che ricorrono e i “nuovi” che fanno manfrina per salvare la faccia, a perderci sarà la rappresentatività politica di uno sbocco possibile all’attuale sistema.
    antonio

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.