Aggredito a Napoli un dirigente sindacale della USB.

Dopo l’attentato incendiario alla nostra sede di Parma di alcuni giorni fa ora un altro grave fatto accaduto il giorno di Natale a Napoli. Domenica 25 dicembre, alle ore 13.00 circa,nei pressi di Forcella-via Duomo è stato aggredito Michele Franco, dirigente sindacale regionale della USB. Non è il primo episodio di aggressione vile per mano di soggetti che millantano una […]

Continua a leggere

Dana Rovereto: i lavoratori non sono di serie B

Abbiamo appreso dalla stampa che la Dana Italia ha acquisito la Brevini di Reggio Emilia per un investimento complessivo di 350 milioni di euro che permette a Dana di essere presente in nuovi mercati. Premesso che come USB lavoro Privato concordiamo con quanti ritengono che questa acquisizione rappresenta un segnale di radicamento della Dana in Trentino, ci preme sottolineare che: […]

Continua a leggere

Sait: Nessuno lavoratore deve restare a casa

In questi giorni i giornali danno giusta rilevanza alla notizia dei 130 esuberi del Sait e nelle varie prese di posizione restano ai margini le responsabilità del gruppo dirigente che, a nostro modesto avviso, dovrebbe rimettere il mandato in quanto sono i principali responsabili della pesante situazione finanziaria della cooperativa. Errori di strategia, lotte intestine, operazioni immobiliari discutibili (Dalpalù ammette […]

Continua a leggere

USB: Il sindacato che serve

Per costruire un sindacato di massa e di classe ci vuole soprattutto partecipazione e militanza. Dal rinnovato impegno negli stabilimenti FCA (ex Fiat) alle iniziative e alla fortissima rappresentanza nell’ILVA di Taranto, dall’ultimo riuscito sciopero nella Piaggio di Pontedera alle continue aperture di realtà industriali più o meno grandi in tutto il territorio nazionale, USB dimostra con sempre più determinazione […]

Continua a leggere

Progettone: i/le lavoratori/trici si riprendono la dignita’

Progettone: i/le lavoratori/trici si riprendono la dignita’. Riaprire la trattativa per cambiare l’accordo del 18 maggio.. Si, quello che è successo in questi ultimi giorni dimostra che I lavoratori e le lavoratrici del progettone stanno prendendo coscienza della loro forza e rivendicano un radicale cambiamento del contratto firmato il 18 maggio scorso. Ieri centinaia di lavoratori e lavoratrici hanno mandato a […]

Continua a leggere
1 2 3 4 11