Di Maio, Marcinelle e i morti sul lavoro

Il ministro Di Maio vicepremier del governo del cambiamento, spinto forse dalla necessità di apparire in occasione della grande manifestazione organizzata da USB dei braccianti del foggiano ha parlato anche della ricorrenza della strage degli italiani in Belgio dicendo: “La riflessione che suscita in me Marcinelle è che non bisogna partire. Non bisogna emigrare e dobbiamo lavorare a non far […]

Continua a leggere

Davanti al padrone non ci si toglie il cappello

Marcia dei berretti rossi, USB: così i braccianti rialzano la testa e l’Italia riscopre la vera pratica sindacale Dietro la riuscita eccezionale dello sciopero generale dei braccianti del Foggiano e della combattiva marcia dei berretti rossi ci sono parecchi fatti sindacali e politici rilevanti. Certo il detonatore è stata, purtroppo, l’allucinante sequenza che ha visto nel giro di poche ore […]

Continua a leggere

Polemica Governo/Boeri: “arma di distrazione di massa”?

Oggi la stampa riportava con enfasi la posizione dell’intero governo, Di Maio-Salvini contro il presidente dell’Inps Tito Boeri. La polemica riguarda le posizioni assunte da Boeri sui disoccupati che creerebbe il decreto dignità e sul ruolo dei migranti che sono in contrasto con le scelte del governo. Senza tralasciare la polemica sulle pensioni Come USB abbiamo espresso le nostre valutazioni […]

Continua a leggere

Migranti: Chi ruba il lavoro agli italiani?

«Non sono stati i migranti a rubarmi il lavoro ma le multinazionali» Marcello, 56enne lavoratore alla Bekaert di Figline, commenta l’annuncio dell’azienda di licenziare 318 dipendenti: «Non ho paura di chi arriva su una barca, ma dei padroni che chiudono una fabbrica con una lettera di licenziamento». Firenze – Marcello Gostinelli, 56 anni, sta per perdere il lavoro. E’ un […]

Continua a leggere

Il tramonto dell'”imperialismo umanitario” delle ONG

“Questi non toccheranno mai più terra in Italia. La pacchia è stra-finita”. Nel vocabolario di Salvini le Ong (organizzazioni non governative) sono delle “navi da crociera”, “taxi” e persino “vice-scafisti”. Da togliere ovviamente di mezzo. Inutile prendersela solo col leader della Lega e a tempo perso ministro dell’interno, nonché vice-premier. Lui è solo il megafono più sguaiato di una trasformazione […]

Continua a leggere
1 2