Commercio: quella sporca dozzina….

La Repubblica si occupa oggi dei lavoratori della Grande Distribuzione Organizzata. Una pagina intera per ricordare che da tempo le vecchie categorie non abitano più nei megastore. Prima esistevano il contratto a tempo indeterminato e il lavoro in nero. Oggi invece troviamo, tutti perfettamente legali e fantasiosamente ribattezzati per disorientare i lavoratori: 1. tempo determinato 2. somministrazione 3. a chiamata […]

Continua a leggere

Tutela della malattia: un diritto da riconquistare

Tutela della malattia nel commercio: un diritto da riconquistare Dalla firma del peggior contratto della storia, la vita di oltre 3 milioni di lavoratori del commercio è cambiata in peggio. Donne e uomini che sono ancor più precari, ancor più ricattabili, ancor più alla mercé di imprenditori senza scrupoli; traditi da chi li doveva rappresentare: da quei sindacati che hanno […]

Continua a leggere

Nessun lavoratore deve essere licenziato

Ieri il Sait ha scoperto le carte e ha dimostrato tutta l’arroganza di un complesso commerciale che punta solo al profitto come qualsiasi altro padrone assumendo la filosofia di Marchione come unico credo da seguire: Il profitto. Una scelta che sotterra in modo definitivo, lo spirito cooperativo che dovrebbe essere alla base dell’agire di una cooperativa e che conferma una […]

Continua a leggere

Commercio: accordo al ribasso sul modello contrattuale

Usb: Cgil, Cisl e Uil bloccano gli aumenti contrattuali e poi passano all’incasso. Venerdì 25 novembre, dopo l’accordo del mese di ottobre che cancellava l’aumento contrattuale di 16 euro mensili lorde, Cgil, Cisl e Uil, a braccetto con Confcommercio, hanno firmato ieri un pessimo accordo sul nuovo modello contrattuale nel terziario. Un accordo che non tiene in alcun conto delle […]

Continua a leggere

CCNL Commercio: Salta aumento di novembre

Dopo il danno arriva la beffa Il danno riguarda i contenuti del rinnovo del Contratto nazionale siglato nel 2015 siglato da Cgil cisl e Uil che prevede aumenti irrisori e incapaci di recuperare il potere di acquisto, aumenta l’orario settimanale a costo zero mentre l’orario diventa flessibile e la vita precaria. Applica il JOBS ACT, introduce i contratti part time […]

Continua a leggere
1 2 3 5