Mentono sapendo di mentire

La disoccupazione è al 12,5% oltrepassando i milioni di disoccupati, mentre quella giovanile è oltre il 40% con un aumento del 4,4% rispetto al settembre 2012. I poveri sono quasi raddoppiati passando da 5 a 8 milioni come conseguenza della disoccupazione e delle politiche di austerità imposte dall’Europa.
Ieri hanno scioperato Bancari e lavoratori del turismo addetti ai Bar e ristorante (stranamente in Trentino lo sciopero non è fatto) a seguito della disdetta dei contratti nazionali da parte delle associazioni datoriali.
Il reddito a disposizione di chi lavora continua a diminuire mentre aumentano flessibilità e precarietà nel lavoro. Pochi che lavorano tanto e tanti che non possono lavorare perchè non c’è lavoro.
Saccomanni ha iniziato dopo le ferie ad esercitarsi nell’arte divinatoria e come il mago Otelma continua a ripetere che stiamo uscendo dalla crisi e che l’aggancio con la ripresa è vicina “ce la possiamo fare”, dimenticando volutamente che il suo governo continua con le politiche di austerità e di smantellamento dei diritti e dello stato sociale (basti ricordare i tagli alla sanità, alla scuola ed ai servizi).
Ricordo che prima di lui Draghi e Monti, nel 2012 e 2013 dicevano che la “ripresa era dietro l’angolo” e che si “vedeva la luce in fondo al tunnel” . Dichiarazioni, che come quelle di Saccomanni, sono state riprese a amplificate dalla stragrande maggioranza dei mass media ormai ridotti a megafono del governo.
Peccato che nessuno ricordi al ministro non solo che l’austerity praticata dal sul governo è una della cause della recessione e della disoccupazione ma che i numeri del PIL ci dicono il contrario e che i giovani non trovano lavoro e sono costretti ad emigrare in terre lontane, come i loro bisnonni.
Forse non lo fanno per il semplice fatto che troppo impegnati a seguire la discussione sul voto palese o voto segreto sulla decadenza di Berlusconi?
Questo governo che nel mentre lascia che la crisi tolga lavoro e reddito, mentre non interviene sulle crisi industriali che lasciano sul lastrico migliaia di lavoratori si preoccupa del fatto se Alfano e compari facciano un partito senza il cavaliere, per continuare a garantire la maggioranza a questo governo per continuare ad appllicare le ricette che ci vengono imposte della Troika.
Se a questo si aggiunge che il ministro Cancellieri si permette di telefonare per far scarcerare la figlia di Ligresti, responsabile del crack finanziario il quadro è completo. Più che il governo del fare questo non è solo la brutta copia del precedente governo Monti che oltre ai diritti vuole affossare anche quel minimo di etica che era rimasta.
La casta e i poteri forti sono intoccabili e quindi a loro tutto è permesso, anche di abusare della loro posizione per chiedere di violare le leggi.
Un quadro desolante che purtroppo sarà difficile cambiare se i cittadini non decideranno di scendere in piazza per rivendicare il diritto a decidere sul loro futuro e per mandare a casa questo governo e l’intera classe politica che anziché governare si limita ad applicare le ricette econo9miche decise oltreconfine.
Ezio Casagranda

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.