L’acqua e i servizi devono essere pubblici

Il Comitato Trentino per il sì ai referendum sull’acqua pubblica dopo la grande vittoria del SI nel referendum del 12 e 13 giugno ritiene importante continuare la battaglia affinché il servizio idrico e gli altri servizi pubblici locali siano erogati anche in Trentino attraverso forme di gestione sostanzialmente e non solo formalmente pubbliche: e perciò esclusivamente attraverso le gestioni comunali dirette associate all’interno delle Comunità di Valle oppure attraverso le aziende speciali di valle o gli enti di diritto pubblico (i consorzi tra i Comuni).
Quanto sta avvenendo in questa Provincia ad esempio sui temi dell’acqua e dei rifiuti (vedi gli orientamenti dei Comuni di Trento e Rovereto) va invece in senso manifestamente contrario alle indicazioni politiche emerse dalla consultazione referendaria.
Affidare infatti la gestione del servizio idrico o dello smaltimento dei rifiuti a società per azioni miste a prevalente capitale pubblico (per es. Dolomiti Energia) o anche a società per azioni a totale capitale pubblico (per es. la nuova SpA verso cui spinge il governo provinciale) costituisce una grave conferma della volontà di privatizzare a tutti i costi l’ambito dei servizi pubblici locali. Invece di resistere alle pressioni dei Governi nazionali – come fa in altri casi, quando lo trova conveniente – la Provincia di Trento cede alla nuova ondata di privatizzazioni che nel paese vuole sovvertire il risultato del referendum, non difende le gestioni comunali in economia (che pure sono più dell’88% e servono il 55% dei residenti), fa finta di ignorare che anche le nuove SpA di totale proprietà pubblica – al di là delle apparenze – sono soggetti di natura privata tenuti ad operare sul mercato per conseguire profitti e comunque vanno ad integrare un sistema di gestione non trasparente, non controllabile, clientelare, che ha soffocato e inquinato profondamente tutto il meccanismo dell’amministrazione dei servizi pubblici.
Per queste ragioni, tra l’altro, il Comitato con la lettera in allegato respinge l’invito a discutere una delle tante iniziative che in Provincia vanno verso la negazione del risultato del referendum del giugno 2011: si tratta nel caso particolare del disegno di legge n°219/2011 presentato da parte del PDL, che risulta fortemente peggiorativo della normativa provinciale vigente e contiene affermazioni per noi inaccettabili sul senso del percorso referendario.

Il Comitato Trentino per il sì ai referendum sull’acqua pubblica.

Francesca Caprini, Gianfranco Poliandri, Stefano Bleggi, Francesco Porta, Ezio Casagranda

110 Visite totali, 4 visite odierne

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *