Alitalia: fate studiare la proprietà

USB INVIA AL GOVERNO UN DECALOGO PER ALITALIA: “FATE STUDIARE LA PROPRIETÀ”
“Basta scaricare sui lavoratori gestioni disastrose”. 

Alitalia scarica sui lavoratori il disastro della gestione di questi anni. Oggi, con un comunicato, il consiglio di amministrazione dell’azienda, svoltosi a valle dell’assemblea degli azionisti, “…ha deciso di presentare la domanda di ammissione alla procedura di amministrazione straordinaria…”. L’attuale Consiglio di Amministrazione tenta così di nascondere i propri errori che hanno prodotto danni enormi per l’azienda e per i lavoratori.
USB valuta come irresponsabile il “venir meno del supporto dei Soci”, motivato con l’esito del referendum: un comunicato, quello aziendale, che suona come una vera e propria provocazione.
Gravissime le responsabilità del sindacato confederale e delle associazioni professionali che ancora non hanno ritenuto opportuno di avviare il confronto con i lavoratori. Ora bisogna guardare avanti partendo dal fatto che la rappresentanza sindacale è stata completamente delegittimata.
USB in data odierna ha inviato al Governo e alle Istituzioni una nota in dieci punti per il rilancio di Alitalia che parte dalla premessa che questa società ha ancora un patrimonio di lavoratori, di aeromobili e di passeggeri. Nella nota si richiede la riforma del sistema del trasporto aereo e di un forte investimento, anche attraverso l’intervento dello stato e sino alla nazionalizzazione, per l’acquisizione di un numero importante di macchine di lungo raggio e per costruire un sistema razionale di alleanze e di partnership.
USB rilancia l’appuntamento del 4 maggio per partecipare al Consiglio Comunale di Fiumicino che si terrà a porte aperte presso sala mensa dell’area tecnica dell’aeroporto Leonardo da Vinci dalle 16.00.
Il giorno seguente, 5 maggio, USB ha indetto un’Assemblea generale di tutto il personale navigante, amministrativo e tecnico di Alitalia, che si svolgerà dalle ore 10.00 presso l’aeroporto di Fiumicino.

USB Nazionale – Lavoro Privato

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.